lunedì 28 giugno 2010

Gli ori di Spina


E' stata inaugurata, al Museo Archeologico Nazionale di Ferrara, la "Sala degli Ori", collezione di gioielli in oro, argento, ambra e pasta vitrea sia greci che etruschi, rinvenuti nelle tombe di Spina. I visitatori possono, così, ammirare orecchini, anelli, diademi, collane, ciondoli e monili databili ad un periodo di tempo compreso tra il V ed il IV secolo a.C., che rappresentano più che degnamente l'elevata raffinatezza degli artigiani che li produssero.
Oltre ai gioielli sono esposti, nella "Sala degli Ori", anche due pissidi in marmo e numerosi balsamari in pasta vitrea. La collezione dei preziosi è, in gran parte, nuova ai visitatori. Le tombe hanno restituito i preziosi gioielli, in gran parte etruschi, risalenti agli anni che vanno dal 420 al 400 a.C. che furono il fulcro centrale del benessere di questo misterioso popolo. Le tecniche di lavorazione dei gioielli mostrano l'elevata abilità degli artigiani di questo periodo. Spina, poi, era uno dei centri più importanti per lo smistamento dell'ambra proveniente dal Baltico.
Gli artigiani etruschi si sono sbizzarriti utilizzando, oltre all'oro ed all'argento, anche, appunto, l'ambra, le pietre semipreziose (agata, corniola, cornalina) e le paste vitree.
I gioielli maggiormente presenti, nelle sepolture etrusche, sono gli orecchini, in genere di forma tubolare ricurva. Più scarse sono le fibule, in bronzo ed argento, utilizzate per chiudere le vesti o i lembi del sudario. Gli anelli, poi, hanno castoni in pasta vitrea, le collane sono formate di vaghi e pendenti in ambra.
Nelle sepolture di Spina vennero, poi, occultati intenzionalmente pochi monili in oro realizzati da officine locali. Monili che, malgrado l'esiguità, riescono ad essere estremamente innovativi nelle forme e nello stile.

Localizzazione: Museo Archeologico Nazionale di Ferrara - Via XX Settembre, 122
Tel. 0532.66299
orari: martedì-domenica ore 9.00-14.00
biglietto: € 4,00
info: sba-ero.museoarchferrara@beniculturali.it

Nessun commento:

Pompei, la casa del gromatico

Rilievo di Popidiius Nicostratus, raffigurante attrezzi agrimensori, esposto all'Antiquarium di Boscoreale (Foto: La Repubblica) Le...