venerdì 14 febbraio 2014

Altri ritrovamenti nella mastaba di Tel El-Tabila

Gli ushabti ritrovati in una scatola accanto ad uno dei
sarcofagi (Foto: Nevine El-Aref)
Nella mastaba di Tel El-Tabila, a Dakahliya è stata ritrovata, la scorsa settimana, una vasta collezione di ushabti, ed un sarcofago con ancora, all'interno, la mummia di una donna. Negli scavi di questi giorni sono emerse un'altra sepoltura e tre scheletri. Questi ultimi sono stati datati al periodo Tardo Antico egiziano, accanto a loro sono stati rinvenuti, sepolti, 14 amuleti dei quali il più importante è quello che raffigura la triade Amon, Horus e Nephtis. Accanto al secondo dei tre scheletri vi erano, invece, 29 amuleti tra i quali un cuore a forma di scarabeo ed amuleti di granato. Il terzo scheletro era accompagnato da 12 amuleti a forma di occhio di Horus, l'Udjat.
Dei due sarcofagi ritrovati, il primo conteneva una mummia coperta con cartonage dorato e il geroglifico di re Psamtiak I, XXVI Dinastia. Purtroppo la mummia è in pessimo stato di conservazione a causa dell'umidità della tomba. Danneggiati sono stati ritrovati anche degli ushabti contenuti in una scatola di legno accanto al sarcofago. Tra gli amuleti deposti nella scatola vi è quello raffigurante un uccello in bronzo.
Il secondo sarcofago conteneva anch'esso una scatola di legno con ben 286 ushabti ed i resti del defunto.
Uno dei sarcofagi in legno ritrovati (Foto: Nevine El-Aref)

Posta un commento

Emergono altri frammenti del colosso di Psammetico I

Parte posteriore del pilastro del faraone Psammetico I (Foto: Ministero delle antichità) La missione archeologica egiziano-tedesca ha ...