giovedì 18 settembre 2014

Extensions...all'egiziana

Il cranio della donna con le extensions ritrovata ad Amarna
(Foto: Jolanda Bos e Lonneke Beukenholdt)
Più di 3000 anni fa, in un'antica città egiziana allora in costruzione, venne sepolta una donna con un'acconciatura particolarmente elaborata. Non venne mummificata, ma semplicemente avvolta in una stuoia.
Quando gli archeologi hanno ritrovato i resti di questa donna, sono stati sorpresi dalla sua complessa pettinatura, formata da circa 70 extensions fissate a diverse altezze della testa. I ricercatori non conoscono ancora il nome della donna, né la sua età o professione. Si tratta di una delle tante persone sepolte ad Amarna e la cui acconciatura è rimasta, nei millenni, intatta.
Amarna divenne capitale dell'Egitto tra il 1353 e il 1335 a.C. con il nome di Akhetaton. Venne fatta edificare dal faraone Akhenaton che vi insediò il culto del disco solare Aton. Amarna/Akhetaton venne abbandonata subito dopo la morte di Akhenaton.
Solitamente le acconciature elaborate erano riservate al momento della sepoltura, ma ciò non toglie che venissero talvolta utilizzate anche nella vita di tutti i giorni. Questo potrebbe voler dire che nell'antica Amarna era diffuso l'utilizzo di extensions. Diversi resti esaminati dagli archeologi ad Amarna presentano questo prolungamento dei capelli naturali. Dei 100 corpi analizzati, 28 avevano ancora i capelli e questi ultimi mostrano una sorprendente varietà: da neri e molto ricci a diritti e castani. Questo potrebbe essere l'indizio di una grande varietà etnica nella società amarniana.
I defunti con i capelli castani indossavano anelli o spirali attorno alle orecchie, uno stile molto popolare ad Amarna. Sembra che gli antichi abitanti amassero anche le trecce: nelle sepolture si sono osservate trecce semplici e riunite a tre, con una larghezza che va dai 0,5 centimetri al centimetro. Il grasso era un componente fondamentale per creare le acconciature, i ricercatori devono ancora capire se fosse grasso di origine animale o vegetale.
In un caso, poi, i capelli di una defunta di avevano un colore rosso arancio che sembrava coprire dei capelli brizzolati. Probabilmente la donna doveva essersi tinti i capelli con l'hennè, i ricercatori stanno analizzando questi capelli e la tintura per poter avere maggiori risposte in merito.
Posta un commento

I misteri di Bryn Celli Ddu, Galles

Bryn Celli Ddu, la tomba neolitica sull'isola di Anglesey (Foto: Alamy Stock) Gli archeologi hanno scoperto, sull' isola di Ang...