venerdì 5 giugno 2015

Trovato il corpo di una nobildonna di 350 anni fa

Il corpo della nobildonna francese sottoposto a TAC
(Foto: Rozenn Colleter/AFP/Getty Images)
Sono stati trovati, dagli archeologi francesi, i resti, ben conservati, di una nobildonna francese vissuta 350 anni fa. I resti erano ben conservati, compresi il cappello e le scarpe.
La donna si chiamava Louise de Quengo ed era una vedova di famiglia aristocratica originaria della Bretagna. I suoi resti giacevano in una bara di piombo ermeticamente sigillata collocata in una sepoltura in pietra all'interno di una cappella del convento di Rennes. Con questa sepoltura sono state trovate altre bare in piombo risalente al XVII secolo ed altre 800 tombe con resti scheletrici.
Louise de Quengo, signora di Brefeillac, morì nel 1656, poco dopo aver compiuto sessant'anni ed era alta 1,45 metri. E' stata identificata grazie ad un'iscrizione posta su una reliquia contente il cuore di suo marito Toussaint de Perrien, cavaliere di Brefeillac, che morì nel 1649.
La sigillatura piuttosto buona della cassa ha permesso di conservare gli indumenti e le scarpe indossate da Louise de Quengo. I ricercatori hanno avuto a disposizione circa 72 ore per portare il corpo della nobildonna a 4 gradi al fine di preservarlo con i suoi indumenti. Un'autopsia ha rivelato che Louise de Quengo soffriva di calcoli renali ed aveva aderenze ai polmoni, inoltre il suo cuore è stato asportato con estrema maestrìa chirurgica.
Gli abiti di Louise de Quengo erano piuttosto semplici, un mantello, un abito marrone in lana grezza, una semplice camicia di lino e scarpe di cuoio con suole di sughero. Uno scapolare era avvolto attorno al braccio destro e le mani della defunta sono state congiunte nel tenere un crocefisso. Il volto era stato coperto da un lenzuolo. I ricercatori ritengono che la nobildonna sia entrata nel monastero dove è stata sepolta, subito dopo essere rimasta vedova.
Posta un commento

Torna alla luce un antico insediamento messapico

Gli scavi nel nuovo insediamento messapico di Nardò (Foto: quotidianodipuglia.it) Un insediamento fortificato di età messapica : è l...