sabato 27 agosto 2016

Coppa persiana in Siberia

Frammento della coppa  (Foto: YANAO)
E' stato trovato un frammento di coppa in bronzo e parte di un coltello ugualmente in bronzo, provenienti dall'attuale Iran, in Siberia dagli scienziati che stavano monitorando il permafrost sulla penisola di Gyda. Il ritrovamento è avvenuto presso il mare di Kara, una località nel nord.
Manufatti del genere sono emersi nella Siberia occidentale, ma mai finora nel nordest. L'erosione del vento nella zona dove è presente il permafrost che si sta sciogliendo, ha permesso di rivelare la coppa. Si tratta, dunque, di una scoperta casuale.
La coppa è di colore turchese ed è stata probabilmente portata in Siberia circa 200 anni dopo che venne forgiata, intorno al X o XI secolo. Il Dottor Arkady Baulo, dell'Istituto di Archeologia ed etnografia di Novosibirsk, ha affermato che nel VI e VII secolo d.C., iniziarono a comparire dei mercanti nella regione superiore del fiume Kama che commerciavano in trichechi e pellicce. Gli oggetti persiani portati dai mercanti hanno assunto, all'epoca, un significato rituale per i popoli nativi di Khanty e Mansy. Questi oggetti vennero conservati in luoghi sacri e vennero considerati come doni degli dei e degli spiriti.
I piatti in bronzo furono utilizzati per servire il cibo cerimoniale per gli dei durante le feste. La spedizione ha studiato una zona piuttosto vasta vicino al lago Parisento, gli scienziati hanno installato apparecchiature di monitoraggio per gli studi del permafrost e confrontato i dati che hanno registrato con le informazioni raccolta nella stessa località 25 anni fa.

Fonte:
The Siberian Time
Posta un commento

Emergono altri frammenti del colosso di Psammetico I

Parte posteriore del pilastro del faraone Psammetico I (Foto: Ministero delle antichità) La missione archeologica egiziano-tedesca ha ...