domenica 9 settembre 2012

I segreti dei Nabatei

Uno dei canali scoperti a Petra
Gli archeologi dell'Università di Leiden hanno scoperto un'impressionante rete di canali appartenente ad un antico sistema di gestione delle acque nei pressi della città di Petra, in Giordania. I canali si stima abbiano 2000 anni di età e permettevano ai residenti di conservare l'acqua ed irrigare, in questo modo, i loro campi.
La scoperta porta a pensare che quello che attualmente è un deserto, doveva anticamente presentarsi come un'oasi rigogliosa. I canali sono stati scavati nella roccia calcarea e vanno ad aggiungersi agli acquedotti esistenti ed ai serbatoi d'acqua, che hanno reso questa regione fertile e coltivabile.
Il sistema risale, secondo gli studiosi, al VI secolo d.C. e poteva essere già in opera dal I secolo d.C.. Il progetto che interessa l'area di Petra risale al 2011 e si è incentrato principalmente attorno alla fortezza romana di Udhruh, 15 chilometri a sud di Petra. L'esplorazione del sito romano ha dimostrato che si tratta, con tutta probabilità, del forte meglio conservato di tutto l'Impero Romano. In diversi punti le pareti esterne e le torri sono ancora in piedi per un'altezza considerevole, mentre gli edifici interni si trovano sepolti da uno strato di detriti di 2,5 metri di spessore.
Posta un commento

Sicilia, nuove scoperte nella villa di Realmonte

Gli archeologi sul sito dell'antica villa di Realmonte, in Sicilia (Foto: USF) Gli archeologi hanno scoperto nuovi reperti di un...