sabato 13 aprile 2013

Ritrovato un raro mikveh a Gerusalemme

Tetto del mikva con le tre vasche per la raccolta dell'acqua
Uno scavo archeologico condotto nei pressi di un'autostrada che attraverserà il quartiere Kiryat Menachem di Gerusalemme, ha permesso di ritrovare un raro mikveh, o bagno rituale, risalente al tardo periodo del Secondo Tempio. Direttore dello scavo è il dottor Benyami Storchan, dell'Antiquities Authority.
Il sistema di approvvigionamento idrico di questo bagno rituale è ritenuto unico ed inusuale. "I bagni rituali conosciuti finora di solito consistono in una cavità chiusa rifornita dall'acqua piovana convogliata da una piccola piscina scava nelle vicinanze", ha detto il dottor Storchan. "Il complesso ora ritrovato è più sofisticato. Il bagno sembra apparentemente associato ad un insediamento che si trovava qui durante l'epoca del Secondo Tempio. Il mikveh è costituito da una scala che accedeva ad una camera sotterranea alimentata dall'acqua piovana incanalata da tre vasche scavate nel tetto dello stesso bagno."
Il bagno rispettava tutte le leggi ebraiche sulla raccolta dell'acqua: naturalità, non contatto con l'uomo, nessuna penetrazione nel terreno. Per quest'ultimo motivo, il bagno è stato trattato con un particolare tipo di gesso. In seguito il bagno rituale andò fuori uso e fu utilizzato come cava. I canali per il trasporto dell'acqua finirono per riempirsi di terra.
Agli inizi del XX secolo, la camera per l'immersione è stata ripulita ed è stata praticata un'apertura circolare sul tetto per trasformare il bagno in una cisterna.
Posta un commento

Emergono altri frammenti del colosso di Psammetico I

Parte posteriore del pilastro del faraone Psammetico I (Foto: Ministero delle antichità) La missione archeologica egiziano-tedesca ha ...