venerdì 24 maggio 2013

I segreti dell'avorio fenicio


Scultura fenicia in avorio
un tempo dorato (Louvre)
Alcune sculture d'avorio, forgiate dagli antichi fenici circa 3000 anni fa hanno a lungo nascosto un segreto, malgrado fossero esposte agli occhi di tutti nei più grandi musei di tutto il mondo. Le sculture, infatti, anticamente erano dipinte con pigmenti colorati ed alcune erano addirittura decorate con oro.
I ricercatori hanno eseguito delle analisi chimiche nei laboratori francesi e tedesche che hanno evidenziato come questi reperti, risalenti all'VIII secolo a.C., recano tracce di metallo invisibili ad occhio nudo. Questi metalli si ritrovano in pigmenti comunemente utilizzati nell'antichità come il blu, il cui pigmento è a base di rame egiziano o l'ematite, alla cui base ci sono pigmenti di ferro.
La ricerca in oggetto è stata effettuata su un avorio originariamente rinvenuto in Siria ed attualmente conservata nel Museo di Stato di Baden, a Karlsruhe, in Germania. Gli studiosi pensano che gli avori fenici fossero, inizialmente, dipinti, ma ad oggi sono state esaminate solo pochissime tracce presenti sui diversi oggetti ritrovati.
Posta un commento

Trovato il palazzo di Dario a Pasargade

La sala delle udienze a Pasargade (Foto: Proprio in questi giorni gli archeologi iraniani stanno riportando alla luce una nuova meravi...