giovedì 9 maggio 2013

L'Atlantide della Gran Bretagna

Resti dell'antico lebbrosario di Dunwich
Un professore dell'Università di Southampton ha analizzato dettagliatamente i resti archeologici della città medioevale perduta di Dunwich, conosciuta come l'Atlantide della Gran Bretagna, un piccolo villaggio costiero nella contea di Suffolk, in Inghilterra. Il progetto è guidato dal professor David Sear ed ha permesso di tracciare un'accurata mappa delle vie della città sommersa, degli edifici e di altre rovine che giacciono sotto la superficie del mare. Le ricerche e le analisi sono state piuttosto difficili a causa della scarsa visibilità dell'acqua, resa torbida dal fango.
Un tempo Dunwich era un porto fiorente, che si estendeva su una superficie pari a quella della Londra del XIV secolo. Le continue tempeste, l'erosione della costa e le inondazioni hanno, alla fine, spazzato completamente via la cittadina ed insabbiato il fiume Dunwich a partire dal 1286. La maggior parte dell'antico borgo medioevale si trova, ora, ad una profondità che varia dai 3 ai 10 metri, poco lontano dalla riva di costa.
Le indagini subacquee hanno permesso di individuare i probabili resti del Convento dei Blackfriars, della chiesa di San Pietro e della Cappella di Santa Caterina. I ricercatori ritengono, anche, di aver individuato un edificio che potrebbe essere il municipio e l'area nord dedicata ad attività commerciali.
Dunwich è citata come Donnoc nelle fonti medioevali. Le prime notizie del villaggio risalgono al 632, anno in cui vi fu stabilita la sede episcopale dell'Anglia orientale. Sotto il regno di Edoardo I (1272-1307), Dunwich raggiunse il massimo splendore e divenne uno dei più grandi porti commerciali dell'Inghilterra orientale, con una popolazione di oltre 3000 abitanti.
Posta un commento

Sicilia, nuove scoperte nella villa di Realmonte

Gli archeologi sul sito dell'antica villa di Realmonte, in Sicilia (Foto: USF) Gli archeologi hanno scoperto nuovi reperti di un...