sabato 27 settembre 2014

Nuove scoperte a Burdag, in Polonia

Piastra di sperone placcata in argento
(Foto: M. Rudnicki)
Durante gli scavi a Burdag, in Warmia e Masuria (Polonia), gli archeologi hanno finora potuto esplorare ben 100 tombe a cremazione e sono rimasti sorpresi dalla quantità di reperti che vi hanno rinvenuto. Si tratta di oggetti e di ornamenti in bronzo e in argento, fibule, pendenti, anelli, perline, fibbie per cintura. La maggior parte degli oggetti rinvenuti sono in ceramica.
Molti sono stati i vasi ritrovati con diversi gradi di conservazione. Alcuni di questi vasi sono riccamente ornati e questo li distingue dai prodotti delle culture contemporanee circostanti (VI-VII secolo d.C.). Tra gli oggetti riemersi dal terreno anche un acciarino con pietra focaia con i resti del tessuto che lo avvolgeva, un frammento di vaso in vetro, coltelli con parte del manico ligneo conservato.
Gli archeologi hanno indagato appena il 10% della necropoli ma si sono fatti l'idea che la popolazione che si serviva di quest'ultima doveva essere molto fiorente. Forse era associata, sostengono i ricercatori, al cosiddetto gruppo Olsztyn. Sono riusciti anche ad identificare una forma sconosciuta di sepoltura, consistente nel collocare i resti dei defunti in fosse ricoperte di argilla solo nella parte inferiore. Si pensa che la popolazione locale fosse organizzata in una struttura tribale, certamente si distingueva per la sua ricchezza, dovuta ai numerosi contatti commerciali con le culture vicine.
Lo studio sul sito è stato condotto dagli archeologi polacchi in collaborazione con l'Università di Stato della Bielorussia a Minsk. Quella appena conclusa è stata la terza campagna di scavi.
Posta un commento

Indagini archeologiche a Pisa

(Foto: Pisa Today) Emergono le prime scoperte a pochi giorni dall'inizio dell'indagine archeologica condotta tra Bagni di Neron...