venerdì 28 novembre 2014

Vampiri...appestati!

Resti di un individuo di sesso femminile con un falcetto nel
collo (Foto: Amy Scott)
Uno studio del Professor Lesley Gregoricka, dell'Università dell'Alabama del Sud, ha avanzato l'ipotesi che i cosiddetti "vampiri", i cui corpi sono stati trovati sepolti nel nordovest della Polonia, con il corpo attraversato da falci e pietre, erano, molto probabilmente, degli abitanti del luogo e non degli immigrati, come si era pensato all'inizio.
Nel nordovest della Polonia, nel XVII e XVIII secolo, si usava compiere dei riti funerari considerati apotropaici. I defunti che si pensava potessero diventare vampiri erano sottoposti ad uno specifico trattamento. Indagare le loro sepolture è un modo per raccogliere informazioni sulle pratiche sociali e culturali della società dell'epoca.
Gli scavi in questa regione della Polonia hanno rivelato sei sepolture inusuali tra centinaia di sepolture normali. Gli archeologi hanno analizzato i molari di questi individui per capire se si trattava di membri della locale comunità oppure di immigrati. Hanno comparato, in seguito, i risultati ottenuti con quelli di altri 60 defunti sicuramente appartenenti alla comunità. I risultati ottenuti indicano che i defunti appartenevano tutti alla popolazione stanziale nel luogo. Le sei sepolture anomale riguardavano individui considerati, molto probabilmente, piuttosto "strani". Gli archeologi hanno suggerito che possa trattarsi di vittime di un'epidemia di colera, molto frequente nell'Europa orientale del XVII secolo. Le persone che facevano parte della comunità non avevano idea di cosa fosse un'epidemia e di cosa fosse il colera ed hanno spiegato quelle morti apparentemente inspiegabili con un intervento soprannaturale.
Posta un commento

I misteri di Machu Picchu...

Gli archeologi al lavoro a Machu Picchu (Foto: Verònica Isabel Calvo Nino) Alcuni archeologi che stanno lavorando a Machu Picchu , hann...