domenica 8 febbraio 2015

Turchia: cavi clandestini riportano alla luce un antico mosaico

Parte del mosaico trovato in Turchia (Foto: Hurriyetdailynews.com)
Mosaici di epoca tardo-romana sono stati trovati in uno scavo illegale in un campo di grano in Anatolia. Gli scavatori clandestini, di cui non si conoscono ancora le identità, hanno scavato il campo in due punti. La località si trova a poca distanza dalle rovine di Kerkenes.
Gli scavatori si sono in tal modo imbattuti in un mosaico e in una parete ad appena un metro dalla superficie del campo di grano. Nello scavare sono state danneggiate parti del mosaico, forse volontariamente, alla ricerca di gioielli nascosti. Ora sono intervenute le locali autorità che hanno intenzione di valorizzare e difendere il sito del ritrovamento. "Faremo del nostro meglio per far sì che la regione sia dichiarata area archeologica", ha affermato Hasan Kerim Senyurt, direttore del Museo di Yozgat. Le ricerche e gli scavi alle pendici del Monte Kerkenes sono iniziati nel 1993 e stanno portando alla luce quella che potrebbe essere la più grande città dell'Anatolia centrale.
"Il campo di grano dove sono stati fatti gli scavi illegali è al di fuori del sito archeologico protetto", ha detto il Dottor Kerim Senyurt. "I mosaici sono visibili su una superficie di 240 per 150 centimetri, le tessere sono tonde e a forma di diamante. I colori delle pietre sono il bianco, il verde chiaro e scuro e il marrone". Gli archeologi stanno ora pensando di trasportare il mosaico al locale Museo per studiarlo e proteggerlo meglio.
Posta un commento

Indonesia, trovate antiche pitture rupestri

Alcune delle pitture rupestri rinvenute sull'isola indonesiana di Kisar (Foto: Università Nazionale Australiana) Una piccola isola ...