domenica 30 agosto 2015

Sepoltura di massa  di 24 defunti, risalente al 1000 d.C.
(Foto: St. Louis Community College)
La pratica del sacrificio umano nella più grande città preistorica d'America era qualcosa di più complesso di quanto gli esperti hanno pensato finora. Recenti studi sui resti delle vittime sacrificali i cui resti sono stati trovati nell'antica città di Cahokia, rivelano che quelli che venivano sacrificati non erano prigionieri prelevati dalle regioni limitrofe, come molti archeologi avevano creduto. Si trattava, piuttosto, degli appartenenti alla medesima comunità che li ha uccisi.
Cahokia raggiunse il suo apice 900 anni fa. Si trattava della più grande città di quelli che oggi sono gli Stati Uniti: una metropoli di 15.000 persone che sorgeva nel sudovest dell'Illinois, la cui influenza economica e culturale si estendeva dalla regione dei Grandi Laghi al Golfo del Messico. Uno dei misteri che aleggiava sulle rovine della città, fuori dalla moderna St. Louis, è costituito da un tumulo scavato nel 1960 in cui si è attestata la presenza di più di 270 corpi, quasi tutti di giovani donne vittime di sacrifici umani.
I resti delle vittime, databili ad un periodo compreso tra il 1000 e il 1100 d.C., erano sepolti per lo più in grandi fosse, disposti in file ordinate e presentano pochi segni di traumi fisici. Forse le giovani donne sono state uccise per strangolamento o per "salasso". Il tumulo, però, ha rivelato la presenza di alcune anomalie: in una fossa separata sono stati trovati i resti di 39 tra uomini e donne di età compresa tra il 15 e i 45 anni che, a differenza dei resti trovati nella fossa più grande, presentano tracce chiare di incredibili violenze fisiche: fratture ma anche oggetti ancora infissi nelle ossa e decapitazione. Per decenni la teoria prevalente è stata che queste vittime siano state portate a forza a Cahokia dalle regioni circostanti, controllate dalla città stessa, e siano state sacrificate in onore dei governanti della città, dei suoi defunti o delle sue divinità.
Mound 72, il luogo della scoperta, come appare oggi
Recenti analisi, invece, hanno rivelato che le giovani donne sacrificate provenivano dalla stessa comunità di Cahokia e la stessa cosa vale per le altre 39 vittime i cui resti sono stati trovati sepolti in una fossa a parte, le cui ossa mostrano traumi e ferite. Le ricerche e le analisi hanno provato che si tratta non solo di gente del posto, ma che sono biologicamente diversi dal resto dei defunti che si trova nel tumulo, se pure simili tra di loro. Probabilmente si tratta di membri di un gruppo isolato all'interno della comunità che abitava Cahokia.
I ricercatori hanno analizzato 203 denti appartenenti a 109 defunti sepolti in 3 fosse separate all'interno del medesimo tumulo. Tra queste fosse vi è quella che si pensa sia una delle prime sepolture di massa, che contiene 24 scheletri disposti su due strati e datati all'incirca all'anno 1000. In un'altra fossa, analizzata anch'essa dai ricercatori, vi erano due strati di resti umani: uno, superiore, composto dagli scheletri di 15 uomini e donne i cui resti sono stati deposti con molta cura e, più in basso, una fossa comune in cui le ossa di 39 tra uomini e donne, che presentano mutilazioni, sembrano essere state gettate alla rinfusa.
Le analisi alle quali sono stati sottoposti i resti hanno mostrato che la maggior parte dei defunti provenivano dalla pianura che circondava Cahokia. Quelli che mostravano mutilazioni relative ad un uccisione violenta appartengono, invece, alla comunità di Cahokia. Le forme e le dimensioni dei denti di queste ultime vittime sono, inoltre "univocamente simili tra di loro" ma la morfologia dei loro denti è diversa dalla morfologia dei denti delle altre vittime. Il che dimostrerebbe che le vittime che presenta lesioni e tracce di violenza appartengono ad una sorta di sotto-gruppo distinto della popolazione di Cahokia.
Ovviamente queste nuove scoperte portano anche nuove domande agli studiosi: perché queste persone, appartenenti a ceppi biologici diversi, sono state sepolte tutte insieme? Perché quelli uccisi in modo violento sono stati sepolti più in basso? Com'erano integrati, dal punto di vista politico e sociale, gli appartenenti a questa sub-comunità al resto dei cittadini di Cahokia?
Posta un commento

Torna alla luce un antico insediamento messapico

Gli scavi nel nuovo insediamento messapico di Nardò (Foto: quotidianodipuglia.it) Un insediamento fortificato di età messapica : è l...