sabato 19 settembre 2015

Eccezionali rinvenimenti nella Perperikon romana

Il probabile ninfeo scoperto a Perperikon (Foto: BNT)
Tre templi pagani risalenti all'epoca romana, 49 edifici pubblici e residenziali, oltre 1.000 manufatti, un ninfeo o un monumento dedicato alle ninfe sono quanto è stato scoperto dagli archeologi bulgari quest'anno, in quattro mesi di scavo nell'antica città di Perperikon, nota anche come Perperik o Perperek.
L'obiettivo principale degli scavi era quello di riportare alla luce l'antica acropoli di Perperikon. Gli archeologi sono stati coordinati dal Professor Nikolay Ovcharov, che ha seguito gli scavi di Perperikon sin dal 2000. L'archeologo ha dichiarato che ora è stato disotterrato il 95% dell'acropoli, con la piazza centrale della città antica e di quella medioevale, con diverse strade che confluiscono in questa piazza e con le vie colonnate del centro. "Perperikon non era solo una grande città. Era anche una città creata secondo i gusti più raffinati dell'aristocrazia romana", ha sottolineato il Professor Ovcharov.
Un'altra visione del cosiddetto ninfeo
(Foto: Nenko Stanev, 24 Chasa daily)
Una delle novità degli scavi di quest'anno è la prova che un ambiente scavato nella roccia potrebbe essere stato un ninfeo o un edificio di culto dedicato alle ninfe. Al momento della sua scoperta, gli archeologi pensavano fosse una sorta di cisterna. Proseguendo gli scavi, invece, hanno trovato i resti di una fontana del III-IV secolo d.C., con ricchi fregi e un complesso sistema di gestione dell'acqua.
"Si tratta di una struttura unica, che non ha eguali in Bulgaria. Strutture analoghe di epoca romana si trovano nelle grandi città di Efeso, in Asia Minore, e di Petra, in Giordania", ha spiegato il Professor Ovcharov. Ha, poi, aggiunto che sono necessarie ulteriori analisi per confermare l'attribuzione alla struttura della funzione di ninfeo. L'ambiente ha sei metri di lunghezza, cinque di ampiezza e 4,2 metri di profondità. Tre dei suoi quattro lati sono stati ricavati dalla roccia mentre il quarto era in grandi blocchi di pietra con fregi decorativi. La fontana aveva due canali: uno drenava l'acqua, l'altro impediva che la vasca si riempisse troppo.
Oltre al ninfeo sono stati portati alla luce i resti di tre templi romani che sorgevano sull'acropoli di Perperikon. Si tratta del tempio dedicato ad Apollo, del tempio del Cavaliere Trace noto anche come Heros, suprema divinità del pantheon dei Traci, e di un mitreo dedicato alla divinità persiana Mitra. Le pratiche di culto di Perperikon affondano le radici nel II-I millennio a.C., quando i Traci costruirono un enorme santuario per la celebrazione dei rituali del vino e del fuoco in onore di Dioniso. I Romani, in seguito, mantennero i culti traci.
Parte della strada colonnata romana di Perperikon (Foto: BNT)
All'interno del tempio dedicato ad Apollo è stata scoperta una statuetta in bronzo del dio. Il tempio sitrova sulla cima del colle, accanto ad un colonnato che porta al più grande edificio pubblico della Perperikon romana. Nel secondo tempio gli archeologi hanno trovato una testa in marmo di Heros, il Cavaliere Trace, pertinente una lastra di marmo di almeno un metro di altezza. Tre anni fa una lastra con l'effige del Cavaliere Trace è stata trovata nello stesso punto. All'interno del tempio ci sono anche due nicchie utilizzate, probabilmente, come altari. Il terzo tempio è stato identificato come un probabile mitreo dal Professor Zdravko Dimitrov, dell'Istituto Nazionale e del Museo Archeologico, uno dei principali esperti bulgari di archeologia romana. Nel cosiddetto mitreo vi sono una piscina, dei sedili in pietra e cerchi ricavati nella roccia ai quali sarebbero stati legati i tori prima di essere sacrificati a Mitra.
"Gli edifici dell'acropoli erano grandiosi. Il più grande era lungo 26 metri, aveva almeno due piani ed era coperto con tegole", ha dichiarato Ovcharov. Parte delle pareti degli edifici dell'acropoli sono stati conservati fino ad un'altezza di 1,5-1,9 metri. Si tratta di edifici che formavano delle insulae in cui viveva la popolazione. Le strade strette tra un edificio e l'altro conducevano ad una strada principale di tre metri di larghezza. Questa, a sua volta, confluiva nella piazza principale della Perperikon romana. Parte del colonnato della piazza romana è stata conservata.
Gli archeologi e i restauratori che stanno lavorando agli scavi della città medioevale sono riusciti a conservare sette delle case medioevali impiantate sulle fondamenta degli antichi edifici romani. Lo scavo e la conservazione di questi resti è molto difficile a causa del continuo dilavamento delle piogge.
Tra gli oltre mille reperti rinvenuti a Perperikon vi sono manufatti sia romani che bizantini e bulgari, come una rara moneta d'oro dell'imperatore bizantino Basilio II (986-1025 d.C.). Tutti i reperti sono la testimonianza di oltre 7000 anni di storia della città, dall'epoca preistorica al 1362 d.C., quando Perperikon venne conquistata dai turchi ottomani.
Posta un commento

In mostra le lamine d'oro di Tutankhamon

Una delle lamine d'oro di Tutankhamon (Foto: english.ahram.org.eg) Il Ministro Egiziano delle Antichità , Khaled el-Enany , ha inau...