martedì 8 settembre 2015

I resti della più antica macinazione di cereali in Puglia

Il pestello trovato nella Grotta Paglicci
(Foto: Stefano Ricci/PNAS)
Gli abitanti di Grotta Paglicci, nel Gargano, producevano farina ben 32000 anni fa. Essi usavano macinare chicchi di avena selvatica migliaia di anni prima dell'avvento dell'agricoltura.
Lo studio è di alcuni ricercatori italiani dell'Università di Firenze e di Siena, della Soprintendenza all'archeologia della Toscana e dell'Istituto italiano di preistoria e protostoria. I ricercatori hanno analizzato un pestello da macinazione in pietra, trovato nel 1989 nella Grotta Paglicci. Su di esso sono stati trovati i residui di grani di amido.
Gli antichi abitanti di questa zona della Puglia erano cacciatori-raccoglitori che avevano appreso la sofisticata tecnica di estrazione di farina dalle piante. Prima le raccoglievano, poi le essiccavano nella parte da macinare, poi macinavano i semi e li mescolavano con acqua per la cottura.
Erano utilizzati soprattutto i chicchi di graminacee selvatiche, in maggioranza avena. 
Posta un commento

Torna alla luce un antico insediamento messapico

Gli scavi nel nuovo insediamento messapico di Nardò (Foto: quotidianodipuglia.it) Un insediamento fortificato di età messapica : è l...