sabato 2 gennaio 2016

Il futuro Parco Archeologico Urbano di Hipponion-Vibo Valentia

Teste femminili in terracotta provenienti da una stipe votiva scoperta in
località Còfino, nell'area dell'antica Hipponion - VI-V secolo a.C.
(Foto: Olga Itzhak)
Nel 2015 il Comune di Vibo Valentia e la Soprintendenza Archeologica della Calabria sono riusciti a reperire tre milioni di euro dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo per realizzare il Parco Archeologico Urbano di Hipponion-Vibo Valentia. Gli interventi sono iniziati a settembre e sono ancora in corso.
Il percorso che ha portato alla realizzazione di questo Parco Archeologico è iniziato nell'estate del 1921, quando venne alla luce un tempio ionico sull'altura del Còfino. Negli anni '70, poi, Ermanno Antonio Arslan e Claudio Sabbione, ispettori della Soprintendenza, individuarono delle favisse ricche di oggetti votivi. Nello stesso periodo vennero alla luce diverse strutture, una delle quali risalente al VI secolo a.C. e riferentesi ad un antico edificio di culto.
Negli anni sono venuti alla luce una struttura ellenistica posta su un deposito votivo, una statua marmorea acefala, strutture di V secolo a.C. tra le quali un muro in blocchi di arenaria, fosse allungate colme di materiale votivo, statuette, protomi femminili, gioielli, oggetti per la cosmesi, modellini fittili di tempio e vasi.
Sulla base di questi reperti, gli archeologi hanno accertato che, tra il VI e il IV secolo a.C. il culto che si praticava nel santuario posto sull'altura del Còfino era rivolto a Kore-Persephone al quale, successivamente, si affianca il culto reso a Demetra, madre di Persephone.
Il tempio è in corso di scavo ancor oggi. La terra viene accuratamente rimossa anche a mano, permettendo di far rivedere la luce alle fondamenta e a parte dell'elevato dell'edificio. La struttura sacra subì un restauro già nel III secolo a.C.
Posta un commento

In mostra le lamine d'oro di Tutankhamon

Una delle lamine d'oro di Tutankhamon (Foto: english.ahram.org.eg) Il Ministro Egiziano delle Antichità , Khaled el-Enany , ha inau...