venerdì 15 aprile 2016

Messico: trovata lastra tombale di un sacerdote spagnolo

La lastra tombale rinvenuta a Città del Messico vicino l'attuale Cattedrale
della città (Foto: Eduardo Verdugo/Ap)
A Città del Messico gli archeologi hanno rinvenuto una pesante lastra di pietra posta a copertura di una tomba, quella di uno dei primi sacerdoti cattolici del Messico. La sepoltura si trova nella pavimentazione di quello che sembra essere stato, un tempo, un edificio sacro azteco e allude all'utilizzo di queste strutture da parte degli Spagnoli all'indomani della conquista del Messico. La lastra è stata trovata presso il sito dove, un tempo, sorgeva la prima cattedrale di Città del Messico, edificata nel 1524.
La lastra tombale è lunga quasi due metri ed è letteralmente affondata nel pavimento dell'antica chiesa cattolica, che aveva soppiantato il tempio azteco e ne aveva utilizzato lo stesso pavimento. Era solo stato dato un veloce strato di calce prima di adibire l'antica area al culto cristiano. Il nome del sacerdote inumato in questo interessantissimo luogo è Miguel de Palomares. Gli archeologi stanno ultimando le indagini volte alla precisa identificazione della sepoltura e sperano di trovare i resti del sacerdote, una volta sollevata la lastra di pietra che ricopre la sua sepoltura. De Palomares era un sacerdote piuttosto importante, morto nel 1542 e sepolto, sembra, nei pressi di un altare nell'antica cattedrale andata, oramai, perduta.
Nel 1821, prima che il Messico ottenesse l'indipendenza dalla Spagna, qualcuno praticò un'apertura nel pavimento in cui si trovava la tomba e vi lasciò un palo di legno o una croce. La lastra tombale mostra proprio un foro in corrispondenza dell'entrata del palo ed appare fratturata in due parti.
Posta un commento

Torna alla luce un antico insediamento messapico

Gli scavi nel nuovo insediamento messapico di Nardò (Foto: quotidianodipuglia.it) Un insediamento fortificato di età messapica : è l...