sabato 23 luglio 2016

Virus e batteri lungo la Via della Seta...

I bastoncini per igiene personale trovati in una stazione lungo la via
della seta (Foto: Hui-Yan Yeh, Journal of Archaeological Science)
La Via della Seta, percorsa da personaggi come Marco Polo e Gengis Khan, era un'enorme arteria per il trasporto di tessuti preziosi che collegava la Cina orientale con l'Asia Centrale, il Medio Oriente e l'Europa. La Via della Seta ebbe il suo massimo fulgore durante la dinastia cinese Han (202 a.C. - 220 d.C.).
Dal momento che la Via della Seta era un mezzo di comunicazione tra popolazioni diverse, i ricercatori hanno suggerito che potrebbe essere stata anche "responsabile" della diffusione di malattie come la peste bubbonica, l'antrace e la lebbra dalla Cina all'Europa. Tuttavia finora nessuno ha trovato le prove che queste malattie si siano diffuse proprio lungo quest'arteria dalla Cina all'Europa.
Alcuni ricercatori, provenienti dall'Università di Cambridge e dall'Accademia cinese di Scienze Naturali, ha trovato, tuttavia, la prova della diffusione di virus e batteri pericolosi lungo la Via della Seta. I ricercatori hanno studiato le latrine presenti presso la stazione di Xuanquanzhi, un posto di sosta fortificato lungo la Via della Seta, costruito nel 111 a.C. e utilizzato fino al 109 d.C.. L'edificio si trova in una regione arida che confina con il terribile deserto di Taklamakan.
Durante lo scavo delle latrine gli archeologi hanno trovato bastoni con un panno avvolto attorno ad una delle estremità. Sono molto simili a quelli descritti in antichi testi cinesi dell'epoca. Si tratta di uno strumento di igiene personale, simile alla nostra carta igienica. Parte del tessuto è ancora aderente al bastone malgrado il tempo passato. Sul tessuto sono state individuate, al microscopio, tracce di feci e le uova di quattro specie di parassiti intestinali, che possono sopravvivere anche migliaia di anni nel terreno. Questo indica che alcune delle persone che utilizzarono un tempo la latrina erano infettate con questi parassiti. Le specie rilevate appartengono agli ascaridi, ai tricocefali, alla Taenia e ad una specie di parassita tipico della Cina.
Gli ascaridi e i tricocefali sono parassiti rinvenuti in tutto il mondo ed indicano una scarsa igiene personale. Sono specie che si diffondono per contaminazione da feci umane. La Taenia si sviluppa mangiando carne cruda o poco cotta (di maiale e di manzo). Il virus del fegato può causare dolori addominali, diarrea, ittero e cancro al fegato e si trova solo nelle regioni della Cina orientale e meridionale e in Corea. Si sviluppa soprattutto in regioni paludose e deve passare attraverso ospiti intermedi di un pesce lumaca prima di infettare gli esseri umani. Questi ultimi devono mangiare pesce crudo per infettarsi con questo virus.
Queste scoperte suggeriscono che certamente la Via della Seta è stata responsabile della diffusione di malattie infettive nei tempi antiche e non è improbabile che tra queste vi fossero la peste bubbonica, la lebbra e l'antrace.

Fonti:
theconversation.com
ancient-origins.net
Posta un commento

Novità da un antico palazzo minoico sull'isola di Creta

Uno dei reperti del palazzo di Zominthos a Creta (Foto: greece.greekreporter.com) Il Ministero della Cultura greco ha pubblicato nuove ...