giovedì 24 novembre 2016

Mostra di antiche navi negli Arsenali Medicei di Pisa

(Foto: intoscana.it)
Verranno inaugurati venerdì 25 novembre, alle ore 10, gli Arsenali Medicei di lungarno Simonelli, i primi due padiglioni del Museo delle navi antiche di Pisa. E' la prima parte di quella che è stata definita la "Pompei del mare", una delle più importanti esposizioni archeologiche di imbarcazioni antiche, tutte risalenti ad un periodo compreso tra il II secolo a.C. e il VII secolo d.C., complete di carico, oggetti personali dei marinai e migliaia di frammenti ceramici, vetri e metalli.
Questa mattina, giovedì 24 novembre, le prime due sale sono state "svelate" in anteprima alla stampa. "Per completare il museo serviranno ancora un paio di anni - hanno spiegato dalla Soprintendenza di Pisa e Livorno - ma dopo 18 anni di lavori intensi e complicati sotto diversi punti di vista, una parte sarà finalmente aperta al pubblico".
Vicino alla stazione ferroviaria di San Rossore, nel 1998, durante i lavori per la costruzione della ferrovia, vennero alla luce i resti della prima delle 30 navi poi ritrovate. Nacque così il grande cantiere di scavo e restauro: un lavoro attraverso il quale si è riusciti a ricomporre il mosaico di una lunga storia fatta di commerci e marinai, navigazioni e rotte, vita quotidiana e naufragi.
(Foto: ilgiornaleoff.it)
I primi due ambienti ad essere aperti al pubblico (saranno 8 in tutto) sono la sala V e la sala IV. Nella grande sala V saranno esposte tutte le navi restaurate (in totale saranno 11): da guerra, da commercio, da mare aperto e da fiume. Al momento le imbarcazioni che si possono vedere sono 5. Tra queste anche la nave A, la prima rinvenuta nel 1998, lunga 18 metri e risalente al II secolo a.C.. La sala IV è invece dedicata alla tecnica delle costruzioni delle navi e racconta come un semplice cantiere di scavo venne ampliato e attrezzato per una scoperta così inaspettata. Domani, venerdì 25 novembre, sarà possibile partecipare alle visite guidate, gratuite e libere, dalle ore 11 alle ore 12.30 e dalle ore 14.30 alle ore 16. Successivamente, la visita al cantiere di scavo e al cantiere di allestimento del Museo delle navi antiche sarà su prenotazione, in giorni stabiliti o su richiesta, a partire da sabato 3 dicembre (per informazioni: turismo@archeologia.it e 055.5520407).
Gli Arsenali Medicei (Foto: 
Si tratta di un progetto innovativo a livello internazionale, considerato che per la prima volta sono state restaurate delle navi per intero, senza che queste venissero smontate. Un lavoro complesso durato 18 anni e costato fino ad ora, tra scavi, restauri e allestimento delle prime due sale, circa 14 milioni di euro, finanziati interamente dal Mibact. Al momento sono stati affidati i lavori del II lotto per circa 2 milioni di euro: interventi che permetteranno di portare a termine il progetto "Museo delle antiche navi di Pisa" e di aprire gli ambienti ancora inaccessibili al pubblico.
Una volta completati i lavori il museo raggiungerà una superficie complessiva di 4.800 metri quadrati ("il doppio della superficie degli Uffizi", sottolinea l'archeologo e funzionario della Soprintendenza di Pisa e Livorno Andrea Camilli) con 11 navigazioni in esposizione. Dall'ingresso del cortile, attraverso il lungo corridoio che costiuisce la spina dorsale dell'esposizione, sarà possibile così ripercorrere circa 1200 anni di storia: da quello che era Pisa prima delle navi, agli eventi alluvionali che portarono al loro progressivo affondamento. Sarà un percorso tra amuleti e tanti oggetti di bordo come forntelli, vasellame da mensa e da cucina, piatti e attrezzi da carpentiere per le riparazioni, lucerne e oggetti di culto che i marinai portavano con loro durante viaggi pericolosi. Il tutto disseminato all'interno degli Arsenali Medicei di Pisa, costruiti nella seconda metà del Cinquecento per volontà di Cosimo I.

Fonte:
pisatoday.it
Posta un commento

Emergono altri frammenti del colosso di Psammetico I

Parte posteriore del pilastro del faraone Psammetico I (Foto: Ministero delle antichità) La missione archeologica egiziano-tedesca ha ...