domenica 29 gennaio 2012

Un'area sacra intorno al lago Cimino

Il lago Cimino visto dall'omonimo monte
E' stata individuata una vasta area sacra, intorno all'antico lago Cimino, che comprendeva anche il monte Cimino, il più alto del viterbese e della Tuscia. A fare questa importante scoperta è stato il paleologo professor Carlo Maria D'Orazi, di Ronciglione, con alcuni archeologi.
Già da tempo era stata individuata, sui monti Cimini, una fase dell'Età del Bronzo, risalente ad un periodo compreso tra il XVII e il X secolo a.C.. Il toponimo arcaico di uno dei monti del complesso Cimino, monte Venere, portava a supporre l'esistenza di un centro sacro, in età antica, alla dea Venere.
Le ricerche, condotte a più riprese nell'arco di diversi decenni, hanno portato alla conclusione che l'antico lago Cimino era circondato, un tempo, da un'antichissima area sacra etrusca arcaica, la cui fase più antica risale al IX secolo a.C.. Il monte Cimino era una bocca minore del più grande vulcano Vicano, spento da tempo e coperto dalle acque del lago.
A partire dal 2009 è in corso, sulla vetta del monte Cimino, una campagna di scavo condotta dal Dipartimento di Scienze Storiche Archeologiche e Antropologiche dell'Università "La Sapienza" di Roma.
Posta un commento

La tempesta Ophelia fa scoprire un antico scheletro

I resti scoperti su una spiaggia irlandese (Foto: Jim Campbell) Resti scheletrici che si ritiene risalgano all' Età del Ferro sono...