giovedì 9 agosto 2012

Amuleti da Yasos

L'isola di Yeronisos
Mentre effettuavano degli scavi archeologici su una piccola isola al largo della costa occidentale di Cipro, gli archeologi si sono imbattuti in alcuni amuleti recanti nomi maschili, che si ritiene siano stati indossati da bambini più di duemila anni fa.
L'isola in questione è Yeronisos, nei pressi di Peyia, un importante meta di pellegrinaggio durante il periodo tardo ellenistico (325-58 a.C.), quando i fedeli compivano la traversata per adorare Apollo nel suo santuario.
Gli amuleti possono essere stati indossati dagli adolescenti che venivano portati a Yeronisos per compiere il rito di passaggio dalla fanciullezza all'adolescenza. Due dei nomi identificati sono Minas e Diophantes, probabilmente due adolescenti che indossavano gli amuleti durante le cerimonie che si svolgevano a Yeronisos sull'isola. Sono state ritrovate anche alcune conchiglie recanti, anch'esse, incisi nomi maschili quali: Chariton, Thrasayis, Nikkon e Hereas. Su altri gusci di conchiglie si possono vedere le esercitazioni di scrittura di alcuni bambini, che suggeriscono l'ipotesi della presenza di una scuola per ragazzi facente parte del santuario di Apollo.
Nella parte nord dell'isola è stata riportata alla luce una piattaforma circolare che si crede sia stata utilizzata per la danza, parte integrante della formazione dei ragazzi ed un'attività gradita ad Apollo, divinità legata al canto, alla musica, alla profezia e agli oracoli. Sono state ritrovate anche ceramiche comprendenti calici e ciotole.
Posta un commento

Sicilia, nuove scoperte nella villa di Realmonte

Gli archeologi sul sito dell'antica villa di Realmonte, in Sicilia (Foto: USF) Gli archeologi hanno scoperto nuovi reperti di un...