mercoledì 22 agosto 2012

Cause della caduta dell'impero Maya

Belize occidentale, sito cerimoniale di El Castillo
Xunantunich
Le città stato dell'impero Maya sorsero e si svilupparono soprattutto nel sud del Messico e nella parte settentrionale dell'America centrale. Improvvisamente, però, queste città-stato decaddero e la stessa civiltà Maya si disintegrò.
Due nuovi studi stanno facendo luce sulle ragioni del crollo della cultura Maya, individuando nei Maya stessi la causa del collasso dell'impero che avevano costruito. Sicuramente la siccità ha giocato un ruolo fondamentale nel tramonto di questa civiltà, ma i Maya hanno contribuito non poco disboscando selvaggiamente la giungla per far posto a città e coltivazioni. La legna, inoltre, era loro necessaria per cuocere grandi quantità di calce per ricavarne intonaco. Sever Thomas, archeologo dell'Università di Huntsville, in Alabama, ha stimato che ci sono voluti circa 20 alberi per la produzione di un solo metro quadrato di paesaggio urbano.
Sito fortificato di Becan, abbandonato e
mai più ripopolato
Il dottor Benjamin Cook, studioso di mutamenti climatici alla Columbia University Lamont-Doherty Earth Observatory ha dichiarato: "Non si tratta di spiegare l'intero fenomeno della siccità con la deforestazione, ma sicuramente quest'ultima è una causa essenziale nell'inaridimento progressivo del suolo e del clima". Gli studiosi, Cook in testa, hanno analizzato l'incidenza delle coltivazioni di mais nell'alterazione del clima ed hanno scoperto che, nel momento di massima deforestazione durante il periodo Maya, il passaggio dalla giungla alle coltivazioni di mais ha inciso per il 60 per cento sulla deforestazione.
Anche la riconfigurazione del paesaggio ha svolto la sua parte nel processo di progressivo inaridimento del suolo. Un indice dello stress a cui è stato sottoposto l'ambiente si trova nell'albero della sapodilla, utilizzato per ricavarne tavole da costruzione, il quale non risulta più adoperato nelle costruzioni di Tikal e Calakmul già dal 741 d.C.. Inoltre nella penisola dello Yucatan gli scienziati hanno registrato un calo di precipitazioni di ben il 15 per cento del totale.
Un'altra veduta del sito di Becan
Nel contempo anche la vecchia struttura politica ed economica dei Maya, dominata da sovrani semidivini, è venuta a decadere. Contadini ed artigiani sembrano aver abbandonato le loro case e le loro città in cerca di migliori opportunità economiche. Oggi molte delle antiche città Maya sono ricoperte dalla giungla, soprattutto nello Yucatan. Le immagini satellitari, però, mostrano che la deforestazione si sta verificando in altre regioni Maya, un tempo occupate.
L'impero Maya contava più di 19 milioni di persone sparse sul suo territorio tra il 250 e il 900 d.C.. Gli antenati dei Maya vivono ancora oggi in alcune parti del Messico, del Guatemala, del Belize di El Salvador e dell'Honduras.
Posta un commento

Trovato il palazzo di Dario a Pasargade

La sala delle udienze a Pasargade (Foto: Proprio in questi giorni gli archeologi iraniani stanno riportando alla luce una nuova meravi...