mercoledì 8 agosto 2012

La fanciulla di Tenochtitlan

Città del Messico, resti di un albero sacro
Gli archeologi dell'Istituto Nazionale di Antropologia e Storia del Messico hanno ritrovato, in una sepoltura di 500 anni fa, lo scheletro completo di un individuo circondato da più di mille ossa umane di bambini, adolescenti e adulti. Il luogo del ritrovamento è nel centro storico di Città del Messico, vicino alla Grande Piramide di Tenochtitlan.
Si tratta della prima sepoltura in cui sono state ritrovate ossa di altri individui di differenti fasce di età che accompagnavano il defunto. Con i resti ossei sono stati ritrovati, in un edificio poco distante, anche quel che sembrano essere i resti di un albero, forse un albero sacro dedicato al dio Huitzilopochtli. L'edificio è uno dei cinque cuauhxicalco, un edificio cerimoniale, dell'area sacra di Tenochtitlan.
La sepoltura giaceva a circa 5 metri di profondità, al di sotto di un pavimento di pietra arenaria e basaltica che è stata identificata come la quinta tappa della costruzione del Tempio Grande, avvenuta in un periodo compreso tra il 1481 e il 1486. Le ossa sono state poste direttamente sulla terra. L'antropologa Perla Ruiz, una dei responsabili dello scavo, ha affermato che si tratta dello scheletro di una giovane donna. Le ossa umane raccolte intorno al corpo della giovane, rimesse parzialmente insieme, hanno permesso di identificare dieci crani, dei quali tre appartenenti a bambini. Su alcune delle ossa sono visibili dei segni di tagli.
Tutte le ossa sono state inviate al Laboratorio di Antropologia fisica del Museo del Grande Tempio, dove saranno sottoposte ad accurate analisi osteologiche per determinare il numero esatto di persone sepolte, il loro sesso, la loro età, l'attività che svolgevano quando erano in vita.
Posta un commento

La tempesta Ophelia fa scoprire un antico scheletro

I resti scoperti su una spiaggia irlandese (Foto: Jim Campbell) Resti scheletrici che si ritiene risalgano all' Età del Ferro sono...