martedì 4 settembre 2012

Il principe che non divenne mai re

Una delle coppe di Uxul
Ad Uxul, in Messico, è tornata alla luce la sepoltura di un principe maya che non salì mai al trono. All'interno della tomba è stata trovata anche una rara coppa reale.
Gli archeologi tedeschi dell'Università di Bonn stavano lavorando agli scavi di un palazzo maya che si trovava nell'antica città di Uxul, quando hanno scoperto la tomba. Il pavimento d'ingresso al complesso reale di Uxul, composto da ben 11 edifici, nascondeva al di sotto l'accesso ad una piccola camera in cui giacevano i resti di un uomo di circa 20-25 anni di età, circondato da nove oggetti in ceramica. Su una delle coppe che costituivano il corredo del giovane defunto vi sono incisi dei geroglifici che recitano: "Questa è la coppa del giovane uomo/principe".
Un'altra coppa del corredo riporta una data che, secondo il professor Grube, responsabile della spedizione archeologica, indicherebbe l'anno 711 d.C., che potrebbe offrire un indizio all'epoca in cui il giovane visse e morì. E', infatti, piuttosto inusuale che i manufatti maya si riferiscano ai loro proprietari.
La tomba del giovane di Uxul non conteneva gioielli di giada, il che suggerirebbe, secondo gli esperti, che il giovane principe non era un erede diretto al trono. In caso contrario la sua ultima dimora sarebbe stata trovata ricolma di oggetti preziosi, come una maschera con le sue fattezze, orecchini ed altri gioielli elaborati. Del resto la tomba era sigillata, quando è stata scoperta, e questo esclude che via stato l'intervento di tombaroli.
Il principe, il cui corpo era disteso sulla schiena, con le braccia incrociate, apparteneva, forse, alla dinastia Calakmul che governò la regione sino all'inizio del IX secolo. La sua tomba era in mattoni ed era coperta da una volta a mensola. 
Posta un commento

Emergono altri frammenti del colosso di Psammetico I

Parte posteriore del pilastro del faraone Psammetico I (Foto: Ministero delle antichità) La missione archeologica egiziano-tedesca ha ...