lunedì 22 ottobre 2012

Il misterioso linguaggio proto-elamita

Esempio di scrittura proto-elamita
Gli esperti che stanno lavorando all'interpretazione della scrittura proto-elamita hanno affermato che potrebbero trovarsi ad un punto di svolta.
Il proto-elamita è la più antica scrittura rimasta tuttora indecifrata, a 5000 anni dal suo primo utilizzo. Lo studio su questo idioma misterioso è condotto dall'Università di Oxford e sta gettando maggiore luce su una delle civiltà più misteriose dell'Età del Bronzo Mediorientale. Gli studiosi si avvalgono, nella loro ricerca, degli strumenti informatici più innovativi che permettono di fornire immagini dettagliate e ad alta risoluzione delle tavolette che contengono i simboli relativi al proto-elamita.
Questa scrittura, che procede da destra verso sinistra, è stata utilizzata in un periodo compreso tra il 3200 e il 2900 a.C., in una regione che si trova a sudovest dell'attuale Iran. Finora gli studiosi sono riusciti a decifrare 1200 segni distinti ma la gran parte del linguaggio rimane oscura, in parte anche per la presenza di molti errori nei testi originali che li rende estremamente difficili da paragonare. Un'altra causa che potrebbe spiegare la resistenza alla traduzione è che il proto-elamita non somiglia a nessun'altra lingua antica e non sono stati ritrovati testi bilingue che potessero aiutare l'interpretazione. Inoltre il proto-elamita è una lingua scritta e non parlata e non c'è modo di sapere che suono avessero le parole, quindi non si è in possesso di indizi fonetici.
Il proto-elamita si è sviluppato dal vicino ceppo linguistico della Mesopotamia, con caratteri e caratteristiche peculiari. Esistono circa mille tavolette recanti questo tipo di scrittura, la quantità maggiore è stata raccolta dagli archeologi francesi ed è custodita al Museo del Louvre.
Posta un commento

Egitto, trovate statue di Sekhmet

Il deposito in cui sono stati rinvenuti i frammenti delle statue di Sekhmet (Foto: english.ahram.org.eg) Un gruppo di 27 frammenti pert...