giovedì 11 ottobre 2012

Madain Saleh, gioiello sconosciuto dei Nabatei

Una delle tombe di Mdain Saleh
Al-Hijr è un'antica città saudita, la cui necropoli ha tombe scavate direttamente nella roccia. Il sito archeologico era, un tempo, abitato dai Nabatei ed era nota come Madain Saleh. Per lungo tempo il sito archeologico non è stato accessibile ai turisti stranieri.
Madain Saleh è stato descritto come il sito più grande e meglio conservato della civiltà nabatea a sud di Petra, in Giordania. E' anche il primo sito archeologico saudita ad essere stato inserito nella lista dei siti Patrimonio Mondiale dell'Unesco. La città si trova a 320 chilometri a nord di Medina, la città santa islamica, e si estende per circa 115 chilometri quadrati.
L'Unesco ha stimano in 111 le tombe contenute nella necropoli di Madain Saleh, la maggior parte delle quali vantano una facciata decorata ed alcune iscrizioni nella lingua dei Nabatei. La città vanta anche diversi pozzi d'acqua creati con complessi sistemi di alimentazione.
Un piccolo gruppo di archeologi francesi, in collaborazione con i colleghi sauditi, stanno effettuando scavi sul sito dell'antica città Nabatea per capire meglio e, conseguentemente, preservare quanto rimane di quest'antica civiltà.
Posta un commento

Trovato il palazzo di Dario a Pasargade

La sala delle udienze a Pasargade (Foto: Proprio in questi giorni gli archeologi iraniani stanno riportando alla luce una nuova meravi...