domenica 21 ottobre 2012

Miti e mosaici come messaggi propagandistici

Mosaico romano di Poseidone trainato da ippocampi
I Romani utilizzavano, nei loro mosaici, i miti greci come simbolo di civiltà. E' questa la conclusione a cui è pervenuta una ricerca coordinata dall'Università Carlos III di Madrid, che ha preso in esame le immagini mitologiche presenti nei mosaici romani, che i membri dell'élite sociale selezionavano per meglio esprimere il potere e la raggiunta ricchezza nonché la potenza ed i valori universali di cui Roma si era fatta portatrice nel mondo allora conosciuto.
La ricerca è stata coordinata da Luz Neira, professoressa presso il Dipartimento di Lettere, Filosofia, Storia, Geografia ed Arte, che ha sottolineato come dai mosaici romani traspare il concetto di contrapposizione tra civiltà e barbarie. Alcuni miti e personaggi mitologici protagonisti dei mosaici, sono stati scelti e persino trasformati per creare uno spirito di civiltà, approfondire certi principi o richiamare alla memoria le fondamenta sulle quali era stato edificato lo stato romano e la missione di Roma nel mondo. Il valore e il significato di alcune scene musive trascendeva la mitologia e alludeva ai valori universali di civiltà incarnati dall'Urbe.
Uno dei temi più raffigurati era quello di Achille a Skyros. La scena la si ritrova, ad esempio, nella villa di Olmeda e sembra voler attirare l'attenzione sull'archetipo dell'eroe che è in grado di sacrificare la sua vita per il bene del suo Paese. Altri episodi mitologici vedono protagonisti Dioniso, Afrodite, Ercole e le sue fatiche, i viaggi di Perseo, le Amazzoni e i Centauri: tutti personaggi e storie che i Romani "adottarono" dal mondo greco per farli propri.
Finora il concetto di civiltà espresso dall'Impero Romano era stato analizzato solo servendosi di fonti scritte e dei ritrovamenti di sculture e rilievi monumentali (archi, steli commemorative, colonne). Era stato poco approfondito, invece, il messaggio di grandezza e civiltà trasmesso attraverso elementi decorativi situati in spazi privati.
I miti sono stati funzionali, per i membri dell'élite romana imperiale, per trasmettere i valori di cui Roma era portatrice nel Mediterraneo, per commemorare vittorie e battaglie identificandosi con il significato stesso di Roma quale garante della civiltà.
Posta un commento

Sicilia, nuove scoperte nella villa di Realmonte

Gli archeologi sul sito dell'antica villa di Realmonte, in Sicilia (Foto: USF) Gli archeologi hanno scoperto nuovi reperti di un...