giovedì 4 ottobre 2012

Neanderthal spagnoli

Gli scavi nella Lozoya Valley, in Spagna
I paleontologi che lavorano nella Lozoya Valley, catena montuosa spagnola, hanno ritrovato recentemente nove denti appartenuti ad umani di Neanderthal, resti di falò e migliaia di fossili di animali (uri, rinoceronti e daini).
I ritrovamenti sono i primi che segnalano la presenza dei neanderthaliani in Europa e, per la precisione, i primi che siano stati individuati in una pianura spagnola, dove non sono presenti formazioni calcaree e grotte che possano conservare i resti umani. Qui, probabilmente, i neanderthaliani vagavano, stabilendo, via via, campi base differenti. Il sito esplorato è piuttosto esteso. Gli archeologi si stanno occupando della grotta di Camino, di quella di Des-Cubierta e del rifugio Navalmaillo.
Proprio al piano di Des-Cubierta un neaderthal depose il cadavere di un bimbo dell'età compresa tra i due ed i tre anni. Del piccolo sono stati trovati alcuni denti ed alcuni resti del carbone deposto nella sua sepoltura. Ora si aspettano altri, sorprendenti, ritrovamenti.
Posta un commento

Emergono altri frammenti del colosso di Psammetico I

Parte posteriore del pilastro del faraone Psammetico I (Foto: Ministero delle antichità) La missione archeologica egiziano-tedesca ha ...