domenica 28 ottobre 2012

Tracce di un'eclissi in una piramide in Messico

Il pavimento bruciato ritrovato dagli archeologi
Durante gli scavi archeologici nel sito di Panhu, nel comune di Tecozautla, in Messico, che aprirà presto le porte al pubblico, gli archeologi hanno ritrovato un pavimento in stucco annerito dal fuoco sul quale vi era la prova che l'edificio principale di Panhu, una piramide, fu sconsacrata circa 1350 anni fa.
La sconsacrazione della piramide di Panhu coincide con un evento astronomico, un'eclissi solare verificatasi il 3 agosto del 650 d.C., che gli abitanti hanno pensato essere l'annuncio di un cataclisma. Per quella antica società, l'eclissi era vista come un evento drammatico e definitivo, tanto che venne predisposta tutta una serie di sacrifici finalizzati a mantenere in vita il sole. Si credeva, infatti, che il sole nero (o sole infernale) imponesse loro di restituire al sole brillante la vita attraverso un sacrificio.
L'eclissi del 650 d.C. è stata interpretata come la fine di un ciclo e gli abitanti di Panhu hanno deciso di sconsacrare la piramide a nord e di scavare ed estrarre le offerte che erano state depositate al dio che ne era il titolare. Questa divinità era, probabilmente, il Vecchio Dio del Fuoco, conosciuto anche come Huehueteotl, Xiuhtecuhtli oppure, come era chiamato dagli Otomi, Otontecuhtlu. Sopra i resti della costruzione, gli abitanti di Panhu edificarono un'altra piramide, architettonicamente più vicina agli edifici del Periodo Tardo Classico (650-900 d.C.).
La città di Panhu, costruita in luogo pianeggiante, aveva fiorenti legami economici con le zone circostanti. Questi legami sono stati confermati dal ritrovamento di turchese, originario del Nuovo Messico, di giadeite proveniente dal Guatemala e di conchiglie pescate nel Golfo del Messico. Quest'area, secondo gli archeologi, è stata anche la culla di uno dei miti più importanti della cultura mesoamericana, quello del dio Serpente. Qui, infatti, il dio Huitzilopochtli sconfisse i suoi fratelli Centzohuiznahua e Coyolxauhqui.
La civiltà Otomi, che costruì e popolò Panhu, non diede un grande contributo alla cultura mesoamericana, la quale fu influenzata prevalentemente dalla civiltà Mexica.
Posta un commento

La tempesta Ophelia fa scoprire un antico scheletro

I resti scoperti su una spiaggia irlandese (Foto: Jim Campbell) Resti scheletrici che si ritiene risalgano all' Età del Ferro sono...