lunedì 12 novembre 2012

Antichissimo villaggio greco in Tessaglia

Lo scavo di un edificio circolare a Koutroulou Magoula
Qualche giorno fa è stato completato il terzo campo di archeologia nonché il progetto Archeologico Etnografico di Koutroulou Magoula, in Grecia, che ha permesso il ritrovamento di un sito preistorico molto importante e ben conservato.
La località di Koutroulou Magoula si trova vicino ai villaggi di Vardali e Neo Monastiri, in Fthiotida ed è uno dei più grandi siti archeologici greci, con una superficie di circa 4 ettari. Il luogo fu occupato durante il Neolitico Medio (5800-5300 a.C.) da una piccola comunità di poche centinaia di persone. Costoro hanno edificato elaborati edifici abitativi in pietra e mattoni di fango, con un base pavimentale lastricata in pietra. Alcune pareti di queste case si sono conservate fino ad un metro di altezza.
Statuetta in ceramica ritrovata nel sito
Gli scavi nel sito sono iniziati nel 2001 sotto la direzione della dottoressa Nina Kyparissi e sono attualmente co-diretti dal professor Yannis Hamilaki. Tra i reperti recuperanti durante gli scavi vi sono numerose statuette d'argilla - più di trecento. La prospezione geofisica e topografica del luogo ha rivelato che gli antichi abitanti di Koutroulou Magoula hanno apportato delle modifiche all'ambiente circostante costruendo almeno tre terrazzamenti sulla collina dove sorgeva, un tempo, il villaggio. L'insediamento era circondato da fossati curvilinei.
Finora non sono state raccolte prove dell'esistenza di un'autorità centrale, ma soltanto dell'esistenza di una comunità capace di pensare e realizzare progetti comuni. Alla fine dell'Età del Bronzo, in questa località venne edificata una tomba a tholos sulla vicina collina, mentre, durante il Medioevo (XII-XIII secolo), una giovane donna venne sepolta tra le case di età neolitica.
Koutroulou Magoula è un sito collinare a sudovest delle alture della pianura della Tessaglia.
Posta un commento

Trovato il palazzo di Dario a Pasargade

La sala delle udienze a Pasargade (Foto: Proprio in questi giorni gli archeologi iraniani stanno riportando alla luce una nuova meravi...