venerdì 9 novembre 2012

Omicidio o incidente nella Jezreel Valley?

Un archeologo si cala nel pozzo in
cui sono stati ritrovati gli scheletri
Gli archeologi israeliani si trovano a dover affrontare, forse, un crimine di 8500 anni fa. Hanno scoperto, infatti, due scheletri in fondo ad un pozzo risalente all'Età della Pietra, utilizzato dai primi agricoltori stanziati nella Jezreel Valley.
Gli scheletri appartenevano ad una donna dell'età di circa 19 anni e ad un uomo più anziano.
Lo scavo degli antichi pozzi è necessario per comprendere la cultura e l'economia delle civiltà che hanno preceduto l'invenzione del vasellame e degli oggetti metallici.
I pozzi più antichi del mondo sono stati scoperti a Cipro e sono di mille anni più antichi del pozzo ritrovato in Israele. Quest'ultimo è collegato ad un antico insediamento agricolo. Il pozzo non fu più utilizzato perché l'acqua risultò contaminata dalla presenza dei due corpi.
Oltre ai corpi dei due sfortunati abitanti della Jezreel Valley, nel pozzo sono stati trovati degli oggetti: una pietra focaia, una falce a pale, punte di freccia e utensili in pietra.
Posta un commento

Emergono altri frammenti del colosso di Psammetico I

Parte posteriore del pilastro del faraone Psammetico I (Foto: Ministero delle antichità) La missione archeologica egiziano-tedesca ha ...