venerdì 28 giugno 2013

Un ricordo della Rivolta Giudaica di Gerusalemme

Le pentole e la lucerna ritrovate a Gerusalemme
(Foto: Vladimir Nykhin/IAA)
Recentemente è stata scoperta, in Israele, una piccola cisterna appartenente ad un edificio. A fare la scoperta è stata la Israel Antiquities Authority vicino al Muro Occidentale, in prossimità dell'Arco di Robinson, nel Parco Archeologico di Gerusalemme. All'interno della cisterna sono state rinvenute tre pentole intatte e una piccola lampada ad olio in ceramica, che risalgono al tempo della Grande Rivolta.
I vasi si trovavano in un canale di scolo che è stato completamente riportato alla luce nella città di Davide. Secondo Eli Shukron, direttore degli scavi, è il primo dei ritrovamenti che può essere collegato alla carestia verificatasi durante l'assedio di Gerusalemme. Le pentole intatte e la lucerna ad olio indicano che alcune persone si sono rifugiate nella cisterna ed hanno mangiato, in segreto, il cibo contenuto nei vasi senza che nessuno li vedesse. Questo è in linea con quanto raccontato da Giuseppe Flavio nel suo libro "La Guerra Giudaica" in merito all'assedio di Gerusalemme da parte dei Romani.
Nel suo racconto dei fatti, Giuseppe Flavio parla della terribile carestia che investì Gerusalemme e dei ribelli ebrei che andavano in cerca del cibo nelle case dei loro confratelli. Questi ultimi nascondevano il cibo che possedevano per timore che potesse essere rubato dai ribelli. Molti, in segreto, scambiavano quanto possedevano con una misura di grano o di orzo.
I manufatti saranno mostrati in un convegno di studio sulla città di Davide che si svolgerà il prossimo 4 luglio.
Posta un commento

Egitto, trovate statue di Sekhmet

Il deposito in cui sono stati rinvenuti i frammenti delle statue di Sekhmet (Foto: english.ahram.org.eg) Un gruppo di 27 frammenti pert...