lunedì 17 giugno 2013

Una basilica cristiana ritrovata a Bursa

Mosaici della basilica bizantina di Bursa
Scavi archeologici stanno riportando alla luce una basilica bizantina di 1500 anni fa a Bursa, in Turchia.
Dopo l'accoglimento del credo cristiano da parte dell'imperatore Costantino, molti edifici in zone abitate della Turchia furono trasformati in luoghi di culto. Uno di questi edifici, quello attualmente in corso di scavo, divenne una delle più importanti basiliche del paese.
Bursa (in greco Prusa) ha una storia di 8000 anni ed è città capoluogo della vilayet omonima della Turchia. La città greca si chiamava inizialmente Cio e venne concessa da Filippo V di Macedonia a re Prusia nel II secolo a.C., come ringraziamento per il suo aiuto contro Pergamo. Prusia ribattezzò Cio con il suo nome, Prusa. La città venne conquistata dai Romani (Plinio il Giovane fu governatore di Bursa tra il 111 e il 113 d.C.) e passò poi ai Bizantini. Questi vi costruirono importanti impianti termali con Giustiniano I e un palazzo per la moglie dell'imperatore.
Bursa fu capitale dello Stato Ottomano tra il 1326 e il 1365 e venne frequentemente chiamata "Verde Bursa" per i suoi giardini e parchi e le foreste che si estendono nella regione circostante. Fu un importante caposaldo lungo la Via della Seta.
Posta un commento

Emergono altri frammenti del colosso di Psammetico I

Parte posteriore del pilastro del faraone Psammetico I (Foto: Ministero delle antichità) La missione archeologica egiziano-tedesca ha ...