lunedì 7 ottobre 2013

Il massacro dell'isola di Oland

Un archeologo al lavoro su uno degli scheletri ritrovati
ad Oland (Foto: Università di Lund)
I ricercatori dell'Università di Lund hanno ritrovato quello che hanno definito come un massacro brutale congelato nel tempo, risalente al V secolo d.C.. Sono stati ritrovati i resti di molte persone, il che ha fatto pensare che il massacro sia stato rapido, estremamente violento e ben organizzato.
I resti sono ritornati alla luce nel sito di Sandby, una fortezza che sorge sull'isola svedese di Oland. Durante le migrazioni, in Scandinavia, era usanza bruciare i resti dei defunti. Il sito archeologico, conservando resti scheletrici, offre dunque importanti indizi circa il periodo in cui è stato perpetrato il massacro. Le ossa umane giacevano in più parti del forte e si pensa che molte altre siano ancora custodite nel terreno.
Sono stati recuperati anche degli oggetti preziosi, stranamente non saccheggiati durante l'esecuzione del massacro. Finora sono state scavate solo poche case, ma gli archeologi si ritengono sicuri che all'interno del forte trovassero alloggio molte persone. Rimane ancora un mistero il fatto che il forte è stato lasciato intatto per 1500 anni. Si pensa ad una sorta di tabù a causa della strage che vi era stata consumata, ma gli archeologi pensano di poter avere qualche risposta più precisa dal proseguimento degli scavi.
Posta un commento

Emergono altri frammenti del colosso di Psammetico I

Parte posteriore del pilastro del faraone Psammetico I (Foto: Ministero delle antichità) La missione archeologica egiziano-tedesca ha ...