domenica 27 ottobre 2013

Un parlamento vichingo in Scozia?

Lavori nel parcheggio scozzese alla ricerca della
sede del parlamento dei vichinghi
(Foto: Dr. Oliver O'Grady)
E' stato ritrovato il luogo dove sorgeva, un tempo, la sede del parlamento vichingo in Scozia. Si trova sotto un parcheggio della città di Dingwall ed è stato chiamato Thing, in riferimento al nome che aveva nell'antichità. Questo era, probabilmente, il luogo dove i vichinghi si riunivano per risolvere le controversie giuridiche, votare le leggi e prendere le decisioni politiche fondamentali.
Gli storici si sono a lungo chiesti se Dingwall fosse il luogo dove era installato un parlamento vichingo, conosciuto come Thing perché lo stesso nome della città, Dingwall, deriverebbe dal termine Thingvellir, che significa "il campo dell'assemblea". Siti analoghi si trovano dall'Islanda alla Norvegia, alle Isole Shetland e a quelle norvegesi e i vichinghi viaggiavano molto per poter partecipare a questi raduni stagionali, convocati soprattutto per derimere controversie che, altrimenti, sarebbero sfociate nel sangue.
Questi parlamenti stagionali, però, non duravano a lungo ed hanno lasciato ben poche tracce della loro esistenza. In diversi siti di parlamenti vichinghi sono stati trovati resti di dimore temporanee. Così, servendosi di documenti storici, gli archeologi scozzesi hanno individuato una collinetta posta vicino l'ingresso dell'estuario del fiume che scorre a Dingwall, un tumulo artificiale risalente al XIII secolo dove, in seguito, furono sepolti molti conti scozzesi. Nel 1947 le autorità locali trasformarono l'area dove sorge la collinetta in un parcheggio.
Frammento di vaso in ferro (Foto: Dr. Oliver O'Grady)
Gli archeologi hanno scavato una sorta di tunnel di sondaggio attraverso la collinetta e vi hanno introdotto isotopi radioattivi, carbonio e atomi di carbonio con differenti pesi molecolari al fine di datare il terreno ed il materiale che, eventualmente, vi era contenuto. In questo modo i ricercatori hanno appurato che alcuni degli strati superiori risalivano al periodo medioevale e contenevano frammenti di ceramiche ed anche di un vaso in ferro. Sotto questo primo strato, gli archeologi si sono imbattuti negli strati originali, quelli che sono stati inizialmente utilizzati per costruire il tumulo, che contenevano terreno risalente all'XI secolo. In quel periodo storico, i vichinghi non erano più i temuti padroni dei mari del nord, che predavano e razziavano le coste di quasi tutta l'Europa. Probabilmente coloro che usavano riunirsi sulla collina di Dingwall erano sudditi di re Norse, che governava le isole Orcadi e le Shetland.
Non si sa come sia stata edificata la collinetta su cui si riuniva a parlamento la gente di re Norse, anche se deve sicuramente essere stato un'impresa significativa dal punto di vista dell'organizzazione tecnica e sociale, segno di una comunità fiorente e politicamente forte. Nessun documento storico reca notizie in merito al parlamento di Dingwill. Le uniche notizie riguardano una battaglia svoltasi nella regione, di cui fu protagonista re Earl Thorfinn detto l'Eccelso, il più potente dei conti delle Isole Orcadi.
Posta un commento

Emergono altri frammenti del colosso di Psammetico I

Parte posteriore del pilastro del faraone Psammetico I (Foto: Ministero delle antichità) La missione archeologica egiziano-tedesca ha ...