venerdì 14 marzo 2014

Tracce della cultura Vatya in Ungheria

Frammenti di resti di argilla di pavimento con oggetti
in situ (Foto: M. Jaeger)
Gli archeologi dell'Università di Poznan stanno studiando tre insediamenti di 4000 anni fa nella regione di Kakucs, a circa 40 chilometri da Budapest. I ricercatori polacchi sono interessati alla cultura Vatya (20001500/1400 a.C.), che occupava la parte centrale del bacino del Danubio.
Della cultura Vatya sono poco conosciuti gli insediamenti fortificati ed i luoghi di sepoltura. Alla fine del II millennio a.C., la comunità sviluppò una ricca produzione di bronzo, basata su materie prime provenienti da aree remote delle regioni alpine. Durante gli scavi, gli archeologi hanno ritrovato tracce di un pavimento d'argilla e numerosi oggetti realizzati in materiali diversi, tra i quali l'oro e il bronzo.
L'insediamento esaminato dai ricercatori fu abbandonato intorno al 1500-1400 a.C.. La stagione 2013 ha permesso di raccogliere diversi campioni ora allo studio dei chimici.
Posta un commento

Trovato il palazzo di Dario a Pasargade

La sala delle udienze a Pasargade (Foto: Proprio in questi giorni gli archeologi iraniani stanno riportando alla luce una nuova meravi...