venerdì 28 marzo 2014

Un tesoro bizantino ritrovato in Egitto

Solidus dell'imperatore Valentiniano, che faceva parte
del tesoro ritrovato a Luxor (Foto: DAI Cairo)
Ventinove monete d'oro di epoca bizantina sono state trovate sulla riva occidentale di Luxor, durante uno scavo di routine effettuato all'interno di una tomba di un'antica necropoli egiziana nella zona di Deir el-Bakhit del Draa Abul Naga. A fare la scoperta, archeologi tedeschi. Le monete sono ben conservate.
Il tesoro è costituito da due diversi tipi di tagli di monete: 18 di esse sono solidi, mentre 11 sono monete tremisse, pari ad un terzo di un solido. Le monete erano nascoste in una cappella copta installata in una tomba faraonica. Si trovavano nell'alloggio di una delle colonne di arenaria che fungeva da supporto dell'altare della cappella. Il sito faceva parte del monastero di Deir el-Bakhit, il cui antico nome era Monastero di San Paolo.
Le monete ritrovate recano i ritratti degli imperatori bizantini Valentiniano, Valente e Giustiniano. Il deposito può essere datato al 50-60 d.C. e la stessa datazione può essere attribuita alla cappella del monastero.
Posta un commento

Sicilia, nuove scoperte nella villa di Realmonte

Gli archeologi sul sito dell'antica villa di Realmonte, in Sicilia (Foto: USF) Gli archeologi hanno scoperto nuovi reperti di un...