giovedì 19 giugno 2014

Resti della peste ritrovati in Egitto

I resti ossei delle vittime della "peste di Cipriano"
(Foto: N. Cijan, Associazione Culturale per lo
Studio dell'Egitto e del Sudan Onlus)
Sono stati scoperti, in Egitto, i resti di una terribile epidemia nei pressi del complesso funerario di Harwa e Akhimenru, nell'odierna Luxor. A fare la scoperta sono stati gli archeologi della Missione Archeologica Italiana a Luxor.
Sono emersi, dal terreno resti di corpi coperti da uno spesso strato di calce, tradizionalmente utilizzata come disinfettante. Sono tornati alla luce anche tre forni dove la calce veniva prodotta ed i resti di un antico rogo dove furono bruciati i corpi degli appestati.
La ceramica ritrovata nelle fornaci ha permesso di datare i reperti al III secolo d.C., un periodo in cui imperversò l'epidemia chiamata "peste di Cirpiano", che devastò molte zone dell'Impero Romano, tra cui l'Egitto. Cipriano era vescovo di Cartagine e fu lui a descrivere la terribile epidemia di cui fu testimone e che definì "la fine del mondo".
Posta un commento

Sicilia, nuove scoperte nella villa di Realmonte

Gli archeologi sul sito dell'antica villa di Realmonte, in Sicilia (Foto: USF) Gli archeologi hanno scoperto nuovi reperti di un...