sabato 28 giugno 2014

Scoperta una tomba di accompagnamento a Luxor

Uno degli archeologi polacchi nei pressi
della "tomba di accompagnamento"
(Foto: M. Sieradzka)
Un team di studiosi dell'Istituto di Archeologia dell'Università polacca di Breslavia ha scoperto una cappella sepolcrale di 4000 anni fa nei pressi di Luxor, in Egitto. La cappella si trova nel cortile di una tomba scavata nella roccia, appartenente ad un importante funzionario vissuto durante il regno dei faraoni Amenemhat I  e Senweseret I, XII Dinastia. Si tratta di Horhotep, sepolto nella necropoli di Asasif, adiacente al famoso tempio di Hatshepsut a Deir el-Bahri.
All'interno della tomba di Horhotep sono stati recuperati frammenti di una parete costruita in mattoni di fango essiccato, frammenti in calcare di un altare per sacrifici, decine di pezzi di ceramica che, probabilmente, appartenevano alle suppellettili donate al defunto dai suoi familiari.
La cappella ritrovata dagli archeologi polacchi era circondata interamente dalle mura in mattoni di cui si sono ritrovate le tracce ed è stata già saccheggiata nell'antichità. Era posta a 15 metri di profondità sotto la facciata della tomba di Horhotep, sulla parete ovest del cortile di quest'ultima. Si tratta di una sorta di tomba di accompagnamento, dove venne seppellito uno dei collaboratori più stretti di Horhotep. E' il terzo esempio di struttura simile ritrovata nella necropoli tebana ed il primo che ancora conserva resti delle offerte portate al defunto dopo la sua deposizione nella sepoltura. L'edificio non venne mai completato, come testimoniano i mattoni accatastati ad una certa distanza.
Tra gli oggetti ritrovati vi sono anche diversi ushabti, bende, un martello in selce utilizzato - probabilmente - per i bassorilievi della tomba e resti umani.
Posta un commento

Emergono altri frammenti del colosso di Psammetico I

Parte posteriore del pilastro del faraone Psammetico I (Foto: Ministero delle antichità) La missione archeologica egiziano-tedesca ha ...