sabato 22 novembre 2014

Trovate delle sepolture anglosassoni nel Suffolk

Una sepoltura bisoma a Exning, Inghilterra
(Foto: Archaeological Solutions)
Nel villaggio di Exning, nel Suffolk, in Inghilterra, sono state portate alla luce 20 sepolture sassoni. I resti scheletrici degli occupanti e altri manufatti in esse contenuti fanno pensare a tombe di personaggi dell'élite sociale anglosassone. Exning era, infatti, un insediamento piuttosto importante, in epoca anglosassone.
Gli scheletri ritrovati sono 21 - una delle sepolture era bisoma - tra i quali quattro o cinque appartengono ad adolescenti. I resti sembrano risalire al 650 d.C. e sono in attesa di un esame più approfondito da parte degli antropologi. Una delle sepolture presentava un intricato telaio posto sotto il corpo del defunto, probabilmente un letto. Un'altra sepoltura sembra essere quella di un guerriero, poiché all'interno sono state trovate una punta di lancia ed una spada.
Exning aveva rapporti politici e commerciali con re Anna, che governava l'East Anglia nel VII secolo d.C.. Anna (o Onna) governò dai primi anni del 640 d.C. fino al 653 d.C.. Nel 631 d.C. re Anna visitò Exning dove, secondo il Liber Eliensis, era nata ed era stata battezzata sua figlia Aethelthryth.
I reperti trovati nelle sepolture fanno pensare ad individui di rango sociale elevato che potevano avere un qualche rapporto con la casa reale. Tra gli elementi del corredo sono stati recuperati una lancia, gioielli placcati in oro, un pugnale ed una ciotola di vetro che proviene, probabilmente, dalla Renania. I resti ossei sembra appartenessero ai discendenti dei primi gruppi di lingua germanica che emigrarono a sud dell'Inghilterra dall'Europa continentale intorno al 410 d.C., dopo la caduta dell'Impero Romano.
Posta un commento

Egitto, trovate statue di Sekhmet

Il deposito in cui sono stati rinvenuti i frammenti delle statue di Sekhmet (Foto: english.ahram.org.eg) Un gruppo di 27 frammenti pert...