venerdì 23 gennaio 2015

Leggere i papiri di Ercolano

Uno dei papiri scoperti nella villa di Ercolano
(Foto: E. Brun)
Gli scienziati stanno cercando di leggere quanto è contenuto nelle antiche pergamene salvate dall'eruzione del Vesuvio quasi 2000 anni fa. Finora sono riusciti a riconoscere solo alcune lettere, ma i ricercatori sono sicuri di poter arrivare a leggere le antiche opere greche e romane contenute nei papiri, troppo fragili per essere completamente srotolati.
"E' una rivoluzione per i papirologi", ha affermato il Dott. Vito Mocella, fisico presso l'Istituto di Microelettronica e Microsistemi di Napoli. L'eruzione del Vesuvio del 79 d.C. ha cancellato dalla faccia della terra le città di Pompei ed Ercolano. La cenere vulcanica, però, ha in parte conservato, tra le altre cose, ad Ercolano, la biblioteca di una villa sontuosa che si pensa sia appartenuta al suocero di Giulio Cesare. La biblioteca conteneva centinaia di rotoli di papiro essiccati dai gas dell'eruzione. La scoperta della villa data al 1752 e fece molto scalpore a causa del rinvenimento di questi antichi documenti.
Gli scienziati hanno sempre cercato di leggere il contenuto dei papiri ritrovati nella villa di Ercolano, ma spesso i loro tentativi hanno portato alla distruzione di diversi rotoli. La biblioteca conteneva tra i 600 e i 700 rotoli, di più della metà dei quali non è stato decifrato il contenuto. Nel 2009 Brent Seales, uno scienziato informatico presso l'Università del Kentucky, ha fatto un primo tentativo di leggere due dei papiri ai raggi X, scoprendo che la pressione del calore sprigionato dall'eruzione aveva accartocciato e reso friabile il materiale.
Il Dott. Mocella, invece, ha adottato una tecnica diversa: la tomografia a raggi X a contrasto di fase, utilizzata prevalentemente in medicina, adatta a sondare i tessuti molli che non assorbono bene i raggi X. All'interno dei rotoli di Ercolano le lettere vengono, in questo modo, sollevate di 0,1 millimetri al di sopra della superficie del papiro. Questo è stato sufficiente per evidenziare l'inchiostro.
I ricercatori sono stati, quindi, in grado di decifrare un alfabeto di lettere greche e delle parole sparse e l'ipotesi è che il papiro in esame possa essere la copia di un'opera del filosofo e poeta Filodemo, vissuto tra il 100 e il 40 a.C.
Posta un commento

Emergono altri frammenti del colosso di Psammetico I

Parte posteriore del pilastro del faraone Psammetico I (Foto: Ministero delle antichità) La missione archeologica egiziano-tedesca ha ...