domenica 15 febbraio 2015

Il forte romano di Colchester

Frammenti di tegole con impresso il timbro della XX
Legione (Foto: Chesterchronicle.co.uk)
Una punta di freccia in bronzo, delle tegole romane ed un vaso del XVII secolo sono tra i reperti archeologici trovati nel cantiere del centro culturale di Chester, che comprenderà, una volta costruito, 800 posti per il teatro, il cinema e la biblioteca.
Prima che i lavori del centro culturale inizino, però, gli archeologi del Consiglio di Chester, in stretta collaborazione con l'English Heritage, si sono messi di buona lena a scoprire indizi storici e dettagli riguardanti l'occupazione militare romana di Chester. Poco si sa, infatti, di questa fortezza romana ed i resti degli edifici non sono in buone condizioni di conservazione. Gli archeologi hanno esplorato le fondamenta della fortezza romana.
Sotto il piano interrato di un importante edificio pubblico, inoltre, i ricercatori hanno individuato un'importante strada romana. Delle fosse per i rifiuti hanno fornito, poi, delle interessanti informazioni del passato di Chester, a partire dal periodo romano fino al XVIII secolo.
Tra i reperti raccolti durante gli scavi è stata trovata una punta di freccia dell'Età del Bronzo. In seguito sono stati trovati materiali da costruzione in ceramica (forse tegole), alcune con impresso il monogramma della XX Legione, altre con impronte di animali impresse quando l'argilla era ancora fresca. Altri reperti sono costituiti da ciotole romane importate dalla Gallia, un vaso del XVII secolo, una pipa per tabacco in argilla. I vasi in ceramica trovati risalgono ad un periodo compreso tra la fine del I e il IV secolo d.C..
Posta un commento

Emergono altri frammenti del colosso di Psammetico I

Parte posteriore del pilastro del faraone Psammetico I (Foto: Ministero delle antichità) La missione archeologica egiziano-tedesca ha ...