domenica 1 febbraio 2015

Indagini sulla necropoli polacca di Karczyn

Aggiungi didascalia
Una grande necropoli di epoca romana in Polonia sarà oggetto di una dettagliata ricerca scientifica che permetterà di completare le prime analisi svolte in fase di scavo. Gli archeologi e gli antropologi contano di scoprire la dieta e i gradi di parentela di quanti sono seppelliti nell'antico cimitero.
La campagna di scavi a Karczyn è stata condotta, dal 2002 al 2012, dagli archeologi dell'Istituto di Preistoria dell'Università di Poznan, in Polonia. Fin dall'inizio i ricercatori hanno capito di trovarsi di fronte ad un luogo unico. La necropoli, infatti, continuò ad essere utilizzata ininterrottamente per oltre 300 anni, dal I al IV secolo d.C.. Sono state più di 120 sepolture con diversi riti.
La sorpresa più grande, per gli archeologi, è stata la scoperta di due grandi tombe, le più grandi conosciute per questo periodo, che sono state definite delle vere e proprie "tombe principesche". Entrambe avevano camere funerarie impressionanti, situate a circa due metri di profondità rispetto all'attuale piano di calpestio. Purtroppo, però, entrambe le sepolture risultano essere state già violate nell'antichità.
Sorprendenti sono stati anche i risultati delle analisi preliminari dei resti dei defunti seppelliti nelle due tombe principesche: si tratta di un adulto di circa 20 anni di età e di un adolescente di 14 anni sepolti nella prima tomba, mentre i resti sepolti nella seconda tomba appartengono ad un adolescente di 14-15 anni. La presenza di adolescenti in tombe principesche è abbastanza insolita, così come è insolito seppellire, in tombe così ricche, più di una persona.
La necropoli di Karczyn è particolare anche per i diversi rituali funebri che si ritrovano nelle sepolture. Oltre alle tombe principesche gli archeologi hanno, infatti, ritrovato sepolture ad inumazione e ad incinerazione, le quali ultime hanno restituito diverse urne cinerarie, ed anche sepolture a pozzo. E' stata trovata anche una sepoltura "di gruppo". Nella necropoli sono stati sepolti anche dei guerrieri. I ricercatori li hanno individuati grazie alle tracce presenti sulle loro ossa, che dimostrano l'abitudine a cavalcare e quella a brandire armi pesanti. Un'altra sepoltura conteneva elementi estranei alle sepolture polacche e comuni alla vicina regione del Mar Nero.
Sono stati individuati anche diversi forni che venivano utilizzati per cremare i defunti.
Posta un commento

Egitto, trovate statue di Sekhmet

Il deposito in cui sono stati rinvenuti i frammenti delle statue di Sekhmet (Foto: english.ahram.org.eg) Un gruppo di 27 frammenti pert...