venerdì 3 aprile 2015

La prima autostrada siciliana...

Nuove indagini archeologiche testimoniano l'esistenza di una sorta di autostrada che collegava Siracusa alle sue colonie, Akrai e Kasmenai, ma anche Gela e Akragas. L'antica autostrada è stata costruita dai Greci ed è la seconda arteria stradale della Sicilia sudorientale, dopo la via Elorina, che un tempo collegava Siracusa a Eloro (presso Noto).
Attraverso queste vie gli antichi abitanti delle città siciliane scambiavano i loro prodotti e si spostavano per motivi strategici o bellici. Le strade erano percorse a piedi o dai carri trainati dai buoi. Un tratto di strada con resti di carraie è stato, appunto, individuato nell'area archeologica di Cozzo Pantano.
L'indagine e, conseguentemente, la scoperta è frutto di uno studio del sito, che si trova alle porte di Siracusa. Proprio in questo luogo l'archeologo Paolo Orsi trovò una necropoli preistorica e precoloniale, risalente al 734 a.C. circa. Si era nell'anno 1893 quando vennero trovate i resti di 50 tombe a grotticella artificiale e a forma di tholos, databili all'Età del Bronzo Medio. Questo ritrovamento è un'ulteriore dimostrazione che il sito di Cozzo del Pantano è un importante sito della cultura di Thapsos.
Le tombe di Cozzo Pantano vennero utilizzate fino all'età greca. Vennero, dunque, riaperte e riutilizzate per seppellire i morti in epoca greca, romana ed anche successiva. Nei magazzini del Museo Archeologico Regionale "Paolo Orsi" sono custoditi gli oggetti rinvenuti da Paolo Orsi a Cozzo Pantano, che non venne più esplorato dopo l'intervento dell'archeologo.
Posta un commento

Sicilia, nuove scoperte nella villa di Realmonte

Gli archeologi sul sito dell'antica villa di Realmonte, in Sicilia (Foto: USF) Gli archeologi hanno scoperto nuovi reperti di un...