venerdì 15 maggio 2015

Il lebbroso di Great Chesterford

Lo scheletro del lebbroso di Great Chesterford (Foto: Pasthorizonspr.com)
Un team internazionale di archeologi che comprende gli studiosi dell'Università di Southampton, ha trovato delle prove che portano a credere che la lebbra si sia diffusa in Gran Bretagna "importata" dalla Scandinavia.
Gli archeologi hanno esaminato lo scheletro di un uomo morto 1500 anni fa, trovate, negli anni '50 del secolo scorso, a Great Chesterford, in Essex. L'uomo è morto all'età di circa venti anni e le sue ossa mostrano i cambiamenti dovuti alla lebbra. Le moderne tecniche scientifiche hanno confermato che l'uomo, in vita, soffriva della terribile malattia e che probabilmente era originario della Scandinavia meridionale.
L'archeologa Dottoressa Sonia Zakrzewski, dell'Università di Southampton, ha affermato che una parte decisiva nella ricerca lo ha avuto l'analisi del Dna, che ha potuto fornire la chiara diagnosi della malattia di cui soffriva il defunto. "Non tutti i casi di lebbra possono essere identificati dalle modifiche sullo scheletro. - Ha dichiarato la Dottoressa Zakrzewski. - Alcuni possono non lasciare traccia alcuna sulle ossa; altri interessano le ossa in modo simile ad altre malattie. In questi casi, l'unico modo per essere sicuri che si tratti di lebbra è quello di utilizzare il Dna o altri marcatori chimici del bacillo della lebbra".
La lebbra di cui soffriva l'uomo le cui ossa sono state analizzate apparteneva allo stesso ceppo rilevato precedentemente nelle sepolture medioevali della Scandinavia e in quelle della Britannia meridionale, con la differenza che l'uomo è vissuto nel V o VI secolo d.C.
Posta un commento

Trovato il palazzo di Dario a Pasargade

La sala delle udienze a Pasargade (Foto: Proprio in questi giorni gli archeologi iraniani stanno riportando alla luce una nuova meravi...