domenica 12 luglio 2015

Il misterioso Uomo di Gristhorpe

Lo scheletro dell'Uomo di Gristhorpe (Foto: Ancient Origins)
Il 10 luglio 1834 William Beswick scoprì, nel suo terreno situato a Gristhorpe, nel North Yorkshire, in Inghilterra, una bara ricavata dal tronco di una quercia. Dentro la bara giaceva lo scheletro di un uomo vissuto nell'Età del Bronzo che oggi è conosciuto come l'Uomo di Gristhorpe.
Alla scoperta hanno assistito anche i membri della società filosofica di Scarborough, tra i quali figuravano dei dottori, che si adoperarono per salvaguardare le ossa del defunto, apparse subito estremamente fragili. Il loro intervento ha permesso di far arrivare lo scheletro dell'Uomo di Gristhorpe fino a noi ma i processi di conservazione messi in atto all'epoca non hanno permesso, oggi, di studiare il Dna del defunto.
Ricostruzione del volto dell'Uomo di Gristhorpe
(Foto: Scarborough Museum's Trust)
L'Uomo di Gristhorpe, la sua bara e il suo corredo sono stati donati al Museo Rotunda di Scarborough. Dal 1834 sono state fatte nuove e interessanti scoperte sull'Uomo di Gristhorpe. Una delle caratteristiche più evidenti dello scheletro è senz'altro l'altezza, insolita per un uomo vissuto durante l'Età del Bronzo: 1,80 metri. Questo sviluppo in altezza straordinario per l'epoca è, forse, dovuto ad una buona dieta che, secondo gli archeologi, sta ad indicare che l'uomo doveva ricoprire un ruolo importante all'interno della sua comunità.
Prima di essere deposto all'interno della bara di legno di quercia, inoltre, il corpo dell'Uomo di Gristhorpe è stato avvolto in un mantello di pelle del quale sono rimasti solo pochi frammenti. Nel corredo che lo accompagnava nel suo ultimo viaggio vi erano un pugnale, utensili in selce, un cestino di vimini (di cui rimangono solo i resti) contenente cibo ed un recipiente in corteccia che, secondo le analisi, conteneva latte.
Il pugnale era in rame ed aveva un pomo d'osso di balena. Basandosi sulla composizione del metallo, i ricercatori hanno suggerito che l'oggetto possa essere stato importato dall'Irlanda sudoccidentale. La scienza moderna ha anche rivelato che l'Uomo di Gristhorpe doveva essere un guerriero: sono state rilevate numerose fratture rimarginate sul suo scheletro.
Gli scienziati hanno provato a ricostruire il volto dell'antico guerriero, utilizzando moderne tecniche di programmazione.
Posta un commento

Sicilia, nuove scoperte nella villa di Realmonte

Gli archeologi sul sito dell'antica villa di Realmonte, in Sicilia (Foto: USF) Gli archeologi hanno scoperto nuovi reperti di un...