martedì 11 agosto 2015

Misteri nella tomba di Tutankhamon?

Nefertiti e la ricostruzione della tomba di Tutankhamon con, in giallo,
gli ambienti che sono stati individuati dal Dottor Reeves
(Ricostruzione: Nicholas Reeves)
La scoperta, nel 1922, della tomba e del tesoro di Tutankhamon ha ispirato generazioni di archeologi. Ma potrebbe esserci un altro antico e sorprendente tesoro che sta aspettando di essere scoperto. Questa è l'opinione dell'egittologo britannico Nicholas Reeves.
L'ipotesi del Dottor Reeves è disarmante, nella sua semplicità ed è visibile liberamente in internet sotto forma di fotografie pubblicate dalla Factum Arte, che si basano sulle ricostruzioni di specialisti in repliche artistiche di Madrid e di Bologna. Costoro hanno ricreato un fac simile della tomba di Tutankhamon per permettere ai turisti di visitare l'ultimo luogo di riposo del faraone fanciullo senza mettere in pericolo l'originale.
Nelle immagini ad alta risoluzione, che rivelano la consistenza delle pareti al di sotto degli strati di affresco della tomba, il Dottor Reeves ha notato che vi era un numero di fessure e di crepe che suggeriscono la presenza di almeno due passaggi sigillati ed intonacati per nascondere la loro esistenza. Uno di questi passaggi porta, probabilmente, ad una sorta di ripostiglio. L'altro, probabilmente un passaggio nel muro settentrionale della camera sepolcrale di Tutankhamon, suggerisce qualcosa di molto eccitante.
La maschera funeraria di Tutankhamon, con i
fori ai lobi delle orecchie
(Foto: Aton-Ra.com)
Del resto le stranezze della tomba di Tutankhamon sono diverse. Innanzitutto è una sepoltura più piccola rispetto alle altre tombe reali della Valle dei Re. Gli oggetti che vi sono stati trovati, anche se magnifici, sembravano essere stati accatastati in gran fretta e sembravano essere di seconda mano. Inoltre la maschera funeraria del faraone fanciullo mostra una caratteristica assai poco virile: dei buchi nei lobi delle orecchie. L'asse principale della tomba, poi, è inclinato verso destra rispetto all'entrata, una disposizione che è tipica delle sepolture delle regine egizie, piuttosto che dei faraoni.
Il Dottor Reeves ha notato che il più grande dei due passaggi che ha localizzato si allinea perfettamente con entrambi i lati della camera d'ingresso della tomba di Tutankhamon. Secondo l'egittologo potrebbe nascondere un corridoio che prosegue lungo lo stesso asse, in scala e secondo la forma delle altre tombe reali vicine. Questo corridoio, secondo il Dottor Reeves, dovrebbe portare alla camera sepolcrale di una regina o, forse, di alcune principesse.
Tra le mummie reali della XVIII Dinastia che sono state, nei decenni, identificate dagli archeologi, manca ancora quella di Nefertiti, Grande Sposa Reale di Amenhotep IV/Akhenaton, padre di Tutankhamon. Nefertiti non è solo nota per la sua grande bellezza, così come appare nel busto che la raffigura, custodito nel Museo di Berlino. I suoi titoli indicano che fu anche coreggente e, probabilmente, governò in prima persona alla morte del consorte. Questo potrebbe voler dire che la sepoltura di Nefertiti ed il suo contenuto dovevano essere magnifiche come la sepoltura del suo figliastro. Se quello che il Dottor Reeves ipotizza è vero, nella tomba del faraone fanciullo ci sono gli "avanzi" del corredo funerario di Nefertiti e la maschera di Tutankhamon potrebbe essere stata, invece, creata per la regina.
Le argomentazioni del Dottor Reeves hanno destato l'interesse degli specialisti nel campo, primo fra tutti Kent Weeks, un archeologo americano che ha mappato minuziosamente la Valle dei Re. Ora si tratta di dimostrate la veridicità delle teorie del Dottor Reeves con mezzi non invasivi, per cominciare una scansione tramite radar, che permette di individuare qualunque tipo di cavità.
Il Dottor Reeves è impaziente di sottoporre al vaglio dei fatti la sua teoria. "Ogni elemento di prova, preso singolarmente, non è determinante", ha dichiarato, "mettere tutto insieme per supportare le mie conclusioni è piuttosto difficile. Se ho sbagliato, ho sbagliato, ma se ho ragione si tratta potenzialmente della più grande scoperta archeologica mai fatta".
Attendiamo, dunque, nuove sull'eventuale prova che nella tomba di Tutankhamon esistono passaggi e stanze segrete che celano da più di duemila anni i loro misteri.
Posta un commento

In mostra le lamine d'oro di Tutankhamon

Una delle lamine d'oro di Tutankhamon (Foto: english.ahram.org.eg) Il Ministro Egiziano delle Antichità , Khaled el-Enany , ha inau...