lunedì 10 agosto 2015

Kha e Merit, una tomba intatta e un'eccezionale mummificazione

Un vaso a due anse dalla tomba di Kha e Merit
(Foto: Wikimedia Commons)
I ricercatori che studiano i corpi mummificati di un ricco architetto egizio e di sua moglie, i cui organi interni non sono stati rimossi durante il processo di mummificazione, hanno concluso che questi ultimi sono stati trattati con agenti anti-microbici ed insetticidi per preservarli.
La tomba di Kha e Merit, vissuti durante la XVIII Dinastia, è stata trovata nel 1906. Il loro corredo funerario è molto prezioso: cinque bare dorate, ricchi gioielli d'oro, biancheria intima con i loro monogrammi, vestiti e due copie del Libro dei Morti. Per comprendere meglio il raro processo di mummificazione subìto dai corpi della coppia, i ricercatori hanno utilizzato una nuova generazione di raggi X e microanalisi chimiche. Queste analisi hanno permesso di accertare che la mummificazione applicata ai corpi di Kha e di Merit era di elevata qualità, proprio per l'utilizzo di prodotti antibatterici ed insetticidi.
I ricercatori hanno altresì scoperto che gli organi interni di entrambe le mummie, tra i quali il cervello e gli organi della cavità toracica, erano molto ben conservati grazie all'utilizzo del natron durante la mummificazione. Gli organi, infatti, si sono conservati molto bene e sono ben visibili anche a 3500 anni di distanza dalla morte di Kha e Merit, i cui corpi sono custoditi nel Museo Egizio di Torino.
Scatola da toilette in sicomoro e vasi in ceramica, vetro e alabastro
che contenevano unguenti per la vita di Merit nell'aldilà
(Foto: Wikimedia Commons)
Gli involucri esterni di Kha e Merit sono stati trattati con un composto formato da olio di grasso animale e vegetale mescolati con una gomma vegetale estratta dalla resina di una conifera. E' quest'ultima ad avere elevate proprietà insetticide e conservanti. Merit morì molto giovane, intorno ai 25-35 anni di età e venne sepolta nella bara di Kha. La coppia era nota agli archeologi per la loro cappella funeraria caratterizzata da una stele sormontata da un pyramidion. Si trattava di una tomba di famiglia e si trovava a Deir el Medina. La sepoltura non venne saccheggiata perché si trovava piuttosto distante dalle altre sepolture.
La tomba di Kha e Merit è la sepoltura nobile più integra del Nuovo Regno. Con i due grandi sarcofagi lignei contenenti le mummie dell'architetto e di sua moglie, sono stati trovati più di 500 oggetti, ognuno dei quali doveva essere utile ai coniugi nella loro vita dopo la morte. La scoperta è della massima importanza per la ricostruzione delle usanze funerarie del Nuovo Regno.
I ricercatori pensano che Kha provenisse da un ambiente modesto e ascese ad una posizione sociale elevata per le sue qualità come architetto. Servì tre faraoni della XVIII Dinastia e morì durante il regno di Amenhotep III, che regnò fino al 1348 a.C.. Kha raggiunse il grado di Direttore dei Reali Lavori in Deir el Medina, dove gestì personalmente la costruzione delle sepolture reali.
Posta un commento

In mostra le lamine d'oro di Tutankhamon

Una delle lamine d'oro di Tutankhamon (Foto: english.ahram.org.eg) Il Ministro Egiziano delle Antichità , Khaled el-Enany , ha inau...