martedì 27 ottobre 2015

Riemerge un edificio romano al centro di Cagliari

Uno degli ambienti emersi negli scavi a Cagliari
(Foto: L'Unione Sarda)
(Fonte: L'Unione Sarda) - A Cagliari affiora un pezzo di storia romana: due ambienti appartenenti a un edificio (troppo presto per dire se pubblico o privato, in ogni caso un edificio che gli archeologi definiscono importante) vecchio di duemila anni sono emersi durante gli scavi nel corso Vittorio Emanuele II insieme a un tratto dell'antica rete fognaria.
La notizia è stata data in conferenza stampa dal sindaco Massimo Zedda e dall'assessore ai Lavori pubblici Luisa Anna Marras. Gli specialisti delle Soprintendenze (ai beni archeologici e ai beni culturali) hanno lavorato per un mese sui ritrovamenti e continueranno a farlo per un altro mese. I reperti, ha detto il sindaco, "saranno valorizzati".
I lavori per la realizzazione delle reti (fogne, gas, acque piovane) sono già ripresi il 19 ottobre scorso, dopo un mese di stop: si concluderanno il 30 aprile 2016, garantisce l'amministrazione, e per Natale la parte ora interessata dal cantiere dovrebbe essere già percorribile.
I soprintendenti Marco Minoia e Fausto Martino hanno definito di grande interesse i ritrovamenti, soprattutto per gli intonaci molto ben conservati. Tra i reperti, un pezzo di muro realizzato con i mattoni di terra cruda, piuttosto rari da ritrovare integri dopo tanti secoli.
Frammenti di intonaco con tracce di affresco riemersi dagli scavi nel centro di Cagliari (Foto: L'Unione Sarda)

Posta un commento

Torna alla luce un antico insediamento messapico

Gli scavi nel nuovo insediamento messapico di Nardò (Foto: quotidianodipuglia.it) Un insediamento fortificato di età messapica : è l...