sabato 7 novembre 2015

Cina: la tomba dell'imperatore di 27 giorni

Le monete in bronzo trovate all'interno della sepoltura di Liu He, in Cina
(Foto: ancient-origins.net)
In Cina, nel 74 a.C., funzionari della Dinastia Han furono costretti a deporre l'imperatore in carica dopo soli 27 giorni di governo. I motivi furono la scarsa predisposizione dell'uomo e l'indulgenza nei piaceri effimeri. L'imperatore deposto morì cinque anni più tardi, per malattia, e venne sepolto in una tomba eccezionale come eccezionale fu il corredo che venne deposto con lui: oggetti in oro e argento, 10 tonnellate di monete di bronzo, strumenti musicali, carri e cavalli sacrificati per accompagnarlo nel suo ultimo viaggio. Gli archeologi hanno recentemente scoperto tutto questo.
La sepoltura dell'imperatore detronizzato si trova nel cimitero di Haihunhou, vicino Nanchang. Lui si chiamava Liu He ed era nipote dell'imperatore Wu, considerato il più importante della dinastia Han, la quale governò il paese dal 206 a.C. al 25 d.C.. Liu He fu imperatore solo per 27 giorni, dal momento che si riteneva fosse di facili costumi e privo di talento. Dopo essere stato costretto a lasciare il trono gli venne conferito il titolo di Haihunhou, che vuol dire "marchese di Haihun".
Secondo diverse fonti furono numerose le nefandezze commesse da quest'imperatore, anche se non ne viene menzionata con precisione alcuna. Si dice che fosse incline ai piaceri della carne ma che fosse anche folle, il che indusse diversi funzionari reali a destituirlo.
Pittura parietale nella grotta di Mogao con la
raffigurazione dell'imperatore Wu, il più grande monarca
della Dinastia Han. Liu He era suo nipote
(Foto: Wikimedia Commons)
Il cimitero di Haihunhou è così importante che è stato inserito nel Patrimonio Unesco dell'Umanità. Gli archeologi ritengono che il sito sia stata, un tempo, la capitale del Regno Haihun, a nord dello Jiangxi. Il cimitero si estende su circa 40.000 metri quadrati di superficie e comprende otto sepolture, tra le quali anche quella della moglie di Liu He. Vi sono, inoltre, strade, templi commemorativi e un sistema di drenaggio. Oltre alle monete in bronzo, gli archeologi hanno trovato oltre 10.000 altri elementi in oro, bronzo e ferro, tavolette in legno e manufatti in giada.
I ricercatori hanno anche scoperto diversi strumenti musicali, tra i quali un carillon, uno strumento a 25 corde, cosiddetti flauti di Pan ed uno sheng, uno strumento a fiato simile alla zampogna. Vi erano anche delle figurine in terracotta che mostrano come si suonavano i diversi strumenti.
La tomba di Liu He è l'unica, a sud del fiume Yangtze, ad avere veicoli reali a grandezza naturale. Con i carri sono stati sepolti anche quattro cavalli e 3.000 accessori decorati in oro e argento. Questa scoperta, sostengono gli archeologi, può aiutare a comprendere lo status sociale, l'economia e lo stato della cultura ai tempi della Dinastia Han Occidentale. Non solo, ma potrebbe rivelare ulteriori notizie circa lo sviluppo della musica, il trasporto e l'evoluzione della scrittura. Esperti in archeobotanica e archeozoologia stanno studiando metalli, tessuti e testi storici per meglio documentare questa straordinaria scoperta.
Posta un commento

In mostra le lamine d'oro di Tutankhamon

Una delle lamine d'oro di Tutankhamon (Foto: english.ahram.org.eg) Il Ministro Egiziano delle Antichità , Khaled el-Enany , ha inau...